La Preside Maria Nostro dell’I.C. Gramsci chiude con commozione la sua carriera di 42 anni nelle scuole

Iniziava 42 anni fa la sua carriera nell’insegnamento prima e  nella dirigenza scolastica poi, la professoressa Maria Nostro che, oggi, in conferenza stampa ha annunciato il suo congedo dal lavoro di tutta una vita.

Carlotta De Cupis, Martina Pignatiello e Nicola D’Agostino, suoi alunni del corso del Giornalismo web coordinato dalla docente Marilena Ferraro, reporters in erba spigliati e sagaci hanno dato inizio alla conferenza, in presenza del primo cittadino Antonio Terra e dell’assessore alla Cultura Francesca Barbaliscia.

Così la Preside ha narrato la sua carriera dagli inizi, quando appena diplomata si inseriva con le supplenze nel mondo della scuola, al di qua della cattedra, prima ancora di conseguira la laurea in pedagogia, nel 1977.

È arrivata ad Aprilia nel 1987 con il ruolo di docente; successivamente, divenuta Preside attraverso i concorsi, ha ottenuto il ruolo fuori la regione Lazio, in Abruzzo.

Poi nel 2000 ritornò ad Aprilia come Dirigente, lavorando in quasi tutte le scuole della città. Durante la conferenza stampa ha risposto alle domande che le sono state poste dai reporter dell’Istituto, tra le quali quella che più ha colpito era quali maestri ricordasse con maggior affetto “I filosofi, specie Socrate! E poi i pedagogisti che mi hanno formata”

La Preside con orgoglio ha, inoltre, spiegato i numerosi progetti svolti da dirigente nelle scuole di Aprilia, dal progetto “Scuole unite contro la Dislessia” al Giornalismo web all’Istituto Gramsci, dalla didattica digitale ai laboratori di robotica passando per i vari concorsi come quelli letterari e di lettura ad alta voce.

Alla domanda, poi, “Cosa porterà con sé di tutto questo lungo percorso lavorativo” la Nostro ha, trattenendo l’emozione a stento, spiegato il rapporto che ha instaurato con il corpo docenti, che è fondamentale, ma anche con l’amministrazione.

Così gli interventi del Sindaco Antonio Terra sono stati di encomio per lo spirito collaborativo della Preside, in tanti anni in un plesso scolastico privato.

Di poi, l’assessore Barbaliscia si è lasciata andare in ricordi dei suoi esordi proprio nel suo ruolo governativo, in un mondo che non conosceva e che le è stato reso così piacevole e formativo grazie a persone come Maria Nostro.

Ora, la dirigente scolastica avrà più tempo per riprendere vecchie passioni, deposte nei cassetti, quali la musica e la pittura, perché lavorare come lei ha fatto nella scuola e per i suoi alunni, con i progetti specie sulla dislessia, la assorbivano completamente ogni giorno dell’anno per 42 anni.

Ma è giunta alla fine con il fascino del suo accento partenopeo sempre acceso, dei suoi occhi azzurri velati di saggezza e umiltà verso quella che è una vocazione, più che una professione.

Marina Cozzo 

Continua a leggere La Preside Maria Nostro dell’I.C. Gramsci chiude con commozione la sua carriera di 42 anni nelle scuole su Il Corriere della Città.