Pomezia, CasaPound: ‘Demolizione?! Prima le case per gli Italiani’

“Demolizione?! Prima le case per gli Italiani”.
 
Questa la frase dello striscione affisso nella notte sullo scheletro dell’ex Pettirosso in Via Alcide De Gasperi dai militanti di CasaPound Italia Pomezia, in merito alla dichiarazione del consigliere Fabio Fucci al tempo sindaco di Pomezia.
 
“Gia’ nel 2017 l’ex sindaco Fabio Fucci affermó di voler demolire questo stabile per rivalorizzare l’area – spiega in una nota Roberto Camerota esponente di CasaPound Italia Pomezia – mentre a Febbraio di quest’anno la Regione Lazio ha dato l’ok per procedere con la demolizione a costo zero per le casse comunali, ed il tutto è stato annunciato con le seguenti parole: “Pomezia diventa sempre più bella, e noi siamo sempre più orgogliosi di far parte di questa comunità’ “.
 
“Quante belle parole sono state spese in campagna elettorale – prosegue Camerota – ma a questo punto ci chiediamo, dopo circa 10  mesi, quando inizieranno  i lavori di demolizione dello scheletro dell’ex Pettirosso. Proprio per questo proponiamo,  vista la grave emergenza abitativa, la costruzione di alloggi popolari per le famiglie italiane in difficoltà, anziché dar spazio ad un centro residenziale come da progetto. Ormai da circa trent’anni non avviene la costruzione di alloggi popolari, costringendo le persone aventi diritto a mettersi in coda ad una graduatoria infinita per l’assegnazione di una casa”.-Conclude infine Camerota – “Anziché inaugurare nuovi passaggi a mare, stabilimenti e asili nido, invitiamo a riflettere sul significato della parola
“comunità” per risolvere al meglio le problematiche reali dei cittadini.”

Continua a leggere Pomezia, CasaPound: ‘Demolizione?! Prima le case per gli Italiani’ su Il Corriere della Città.

Pomezia: il Sindaco Zuccalà incontra CasaPound e i residenti di Via Catullo

Oggi pomeriggio si è tenuto un incontro tra il sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà, gli assessori preposti, un rappresentante delle quindici famiglie sotto sgombero di Via Catullo ed una delegazione di CasaPound Italia Pomezia.
 
“La motivazione di questo incontro è quella per la quale abbiamo occupato la casa comunale la scorsa settimana”.
Ad annunciarlo in una nota è Roberto Camerota, esponente di CasaPound Italia Pomezia.
 
“Da quasi due anni ci occupiamo delle quindici famiglie sotto sgombero di Via Catullo, grazie alle numerose denunce in merito e manifestazioni, siamo riusciti ad ottenere un incontro che ha avuto un riscontro positivo: il sindaco e gli assessori  ci hanno confermato di aver agito burocraticamente per la risoluzione della problematica che colpisce le quindici famiglie di Via Catullo, ad oggi la risposta è stata che – prosegue la nota – in quanto il comune di Roma non ha più interesse nel voler gestire l’emergenza abitativa al di fuori dell’area comunale, è in corso uno studio per far rimanere nelle loro case queste famiglie  considerandole come emergenza abitativa e se possibile agevolarli nell’acquisto, oppure dislocarli in altri appartamenti sempre con la stessa formula. Dopo quasi due anni di battaglie al fianco di queste famiglie stiamo finalmente riuscendo ad ottenere una vittoria importante. Da sempre – conclude Camerota – CasaPound Italia si batte per il diritto alla casa, punto cardine del nostro movimento, continueremo a monitorare quanto detto dal sindaco Adriano Zuccalà e saremo pronti ad intervenire nel caso in cui lo sgombero effettivo dovesse avvenire”.

Continua a leggere Pomezia: il Sindaco Zuccalà incontra CasaPound e i residenti di Via Catullo su Il Corriere della Città.

Essere Pomezia, protocollata mozione sul TPL: “Riattivare le 3 linee Laurentina ‘Express’ “

Il gruppo consiliare “Essere Pomezia” ha preparato una nuova mozione da presentare durante la massima assise comunale, con l’obiettivo di contribuire alla crescita dei servizi comunali nell’interesse della collettività.

“L’oggetto della mozione protocollata oggi è “Istituzione della nuova linea T.P.L. Laurentina Express e implementazione del T.P.L.” Nel programma elettorale che ha sostenuto la candidatura di Fabio Fucci, tra i tanti temi toccati c’era proprio l’avvio di una linea di autobus che collegasse rapidamente (in 20 minuti) Pomezia con la stazione della metropolitana di Roma Laurentina. Il Trasporto Pubblico Locale è un servizio essenziale per i residenti e i pendolari, soprattutto tenendo conto delle peculiarità e dell’estensione territoriale della nostra città. Per questo ci sembra doveroso agire in maniera decisa, riorganizzando rapidamente e ottimizzando il servizio offerto in funzione dello sviluppo di Pomezia, sia demografico che commerciale, allo scopo di incentivare il trasporto pubblico in alternativa a quello privato, con la conseguente riduzione del traffico e dell’inquinamento atmosferico dovuto ai fumi di scarico dei veicoli circolanti.
Con la mozione, sostanzialmente, chiediamo di dare seguito al piano di revisione del trasporto pubblico approvato dalla “Giunta Fucci”, che prevede l’implementazione del servizio su 23 linee (una riorganizzazione che toccherebbe quindi anche le periferie), tra cui la 10 R che collegherebbe Pomezia con la Stazione Metro Laurentina”.

Il provvedimento citato dal gruppo consiliare aveva però scatenato numerose rimostranze sopratutto tra i residenti del quadrante di Santa Palomba ed in particolare di quelli di Roma 2 in quanto la rimodulazione prevista avrebbe cancellato le tratte all’interno della zona residenziale

Ma il gruppo prosegue: “Lo slogan utilizzato in campagna elettorale legato alla linea Laurentina Express (a Roma in 20 minuti) non è una frase ad effetto ma può diventare realtà: molti cittadini residenti a Pomezia hanno la necessità e l’esigenza di recarsi quotidianamente nella Capitale e grazie agli ultimi interventi infrastrutturali sulla strada provinciale Laurentina, ad opera della Città Metropolitana, è stata realizzata una corsia dedicata esclusivamente al transito degli autobus. Proprio questo “corridoio” garantirebbe ai pendolari pometini il raggiungimento, in soli 20 minuti, della stazione metro Laurentina. Chiediamo inoltre di riattivare le tre linee sperimentali (A-B-C), molto apprezzate dai nostri concittadini, tanto che recentemente ne hanno lamentato l’interruzione”.

“La mozione da noi protocollata intende impegnare Sindaco e Giunta a richiedere urgentemente un incontro in Regione Lazio per rendere definitiva l’attribuzione dei km e delle risorse necessarie ad assicurare in maniera stabile le suddette tre linee, nonché attivare da subito, come intervento prioritario previsto dal nuovo piano dei trasporti, la linea “Laurentina Express”, per l’esclusivo interesse della nostra collettività e del nostro territorio”, conclude quindi la nota.

Continua a leggere Essere Pomezia, protocollata mozione sul TPL: “Riattivare le 3 linee Laurentina ‘Express’ “ su Il Corriere della Città.

Pomezia, Fucci attacca la giunta Zuccalà: “Ci costa 45mila euro in più”. Ecco i conti del Comune

Stavolta sceglie l’attacco diretto Fabio Fucci, consigliere di minoranza e capogruppo di Essere Pomezia nonché ex Sindaco pometino, nei confronti della giunta pentastellata di Adriano Zuccalà. Oggetto delle accuse gli stipendi percepiti dalla squadra di governo, Sindaco, vice e assessori i cui parametri sono comunque stabiliti per legge.

“Dal dimezzamento degli stipendi dei politici all’aumento del costo della “casta” il passaggio è stato breve. Avreste mai scommesso che chi fino a poco tempo fa pontificava sugli stipendi dei politici predicando la politica “come servizio civile” oggi si trova a beneficiare, grazie ad uno dei primi atti dopo l’insediamento della nuova amministrazione, di un aumento di stipendio?”, si legge in una nota di Fucci che sta facendo in queste ore il giro dei social. 

Tutto ciò è scandaloso! Una volta il #m5s predicava il dimezzamento degli stipendi dei politici. Invece a #Pomezia la…

Gepostet von Fabio Fucci am Montag, 8. Oktober 2018

In ballo dunque ci sarebbe un aumento di stipendio che l’ex primo cittadino quantifica, nel complesso, in 45mila euro all’anno frutto della comparazione delle tabelle con le giunte a confronto di seguito riportate.  

“Viene facile quindi la considerazione: la nuova Giunta M5S grava sulla collettività 45.000 € in più ogni anno“, prosegue Fucci che parla poi anche di decremento della produttività usando come termine di paragone le assenze di alcuni consiglieri a alcuni provvedimenti quali il peggioramento dei “servizi rispetto alla precedente gestione e i tagli ai servizi sociali e alle scuole”.

“E’ proprio il caso di dire che questa giunta viene pagata di più e rende di meno”, chiosa infine l’ex Sindaco.

Tornando ai conti vediamo ora cosa ha causato questa differenza così alta negli importi. 

Innanzitutto la giunta Fucci, rispetto all’attuale squadra di governo targata Zuccalà, aveva un assessore in meno (5 contro 6); un secondo elemento va ricercato poi nello stipendio di Daniela Sorrentino che per l’anno e mezzo circa nel quale ha lavorato ha percepito metà indennità rispetto ai suoi colleghi, verosimilmente per la presenza di un’altra attività lavorativa, così come per il suo predecessore l’Ass. Emanuela Avesani, che proprio la Sorrentino era andata a sostiuire.

Dal punto di vista dei singoli importi va detto che comunque un incremento nei singoli emolumenti dei componenti della Giunta c’è stato: parliamo di 74.37 euro lordi al mese per il Sindaco (892 annui), di 55.78 per la posizione di vicesindaco (670 all’anno) e di 44 euro per quella da assessore (535 all’anno).

In realtà però si tratta di uno scatto di stipendio “automatico” in quanto si tratta dell’applicazione di una “maggiorazione prevista dal DM 119/2000, articolo 2, comma 1, lett. c) (+ 2%)” la quale prevede “per gli enti la cui spesa corrente pro-capite risultante dall’ultimo conto del bilancio approvato (ed è proprio questo il passaggio tirato in ballo da Fucci, ndr) sia superiore alla media regionale per fasce demografiche” sulla base di tabelle specifiche. 

(La determina in oggetto per controllare le cifre contenute nell’articolo è la seguente: la numero 1095 del 06/09/2018, mentre per gli stipendi della precedente amministrazione è possibile rifarsi alla determina 571 del 2016)

 

 

 

Continua a leggere Pomezia, Fucci attacca la giunta Zuccalà: “Ci costa 45mila euro in più”. Ecco i conti del Comune su Il Corriere della Città.

Pomezia, 100 giorni di Amministrazione comunale: il bilancio del Sindaco Zuccalà

E’ oggi il centesimo giorno di Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Adriano Zuccalà. Dal 27 giugno, data di insediamento, al 4 ottobre il Primo Cittadino tira un primo bilancio delle azioni messe in campo e di quelle da portare avanti:

 

“100 giorni intensi e impegnativi nei quali abbiamo costruito la squadra – Giunta, Segretario generale, dirigenti e dipendenti comunali – che lavorerà nei prossimi cinque anni nell’interesse della Città e dei cittadini. Il contrasto all’abbandono dei rifiuti e al degrado urbano, nuove aree verdi come quella di via Vinci a Torvaianica, il recupero di 3 impianti sportivi, il censimento di tutti gli impianti pubblicitari sul territorio per procedere alla riorganizzazione, l’avvio dei lavori di messa in sicurezza presso il sito Eco X, lo sblocco del cantiere di largo Columella per il ripristino della rete fognaria, sono solo alcuni degli interventi messi in atto in questi mesi, con un’attenzione particolare ai servizi per il cittadino. E’ stato infatti avviato il nuovo portale digitale per la mensa e il trasporto scolastico, che consentirà di utilizzare sempre più servizi on line; stiamo lavorando alla rimodulazione del servizio URP, con l’obiettivo di renderlo un ‘ufficio informazioni diffuso’ e rispondente in maniera ottimale alle esigenze della cittadinanza; abbiamo avviato l’iter per individuare la sede della nuova delegazione di Torvaianica che ospiterà uffici comunali, Polizia Locale e punto informativo-turistico. Una parte importante è stata riservata alla cultura in occasione dell’estate pometina: eventi, spettacoli, cinema, sagre e musica hanno accompagnato l’estate di Pomezia e Torvaianica, per chiudere in bellezza con il Pomezia Light Festival. Inoltre si sta per concludere la prima edizione gestita dal Comune di Pomezia del “Premio letterario internazionale” di Domenico Defelice e ci siamo candidati, insieme alla vicina Ardea, a Città della Cultura del Lazio 2019”.

 

“Sul piano della riduzione dei costi a carico dell’Ente – continua Zuccalà – siamo intervenuti sullo stato di liquidazione dell’ex Consorzio universitario prevedendo un risparmio di circa 85mila euro annui ottimizzando la struttura direzionale, mentre sul versante delle opere pubbliche da avviare sono stati consegnati i progetti esecutivi per il rifacimento di via Campobello, della pista ciclabile all’interno del parco della Crocetta e degli interventi di riqualificazione per Santa Palomba previsti dal Bando Periferie, per i quali il Governo confermerà i finanziamenti”.

 

“Ho avuto modo, personalmente e attraverso i miei Assessori, di conoscere le realtà imprenditoriali e associative del territorio, gli istituti scolastici, la rete dei commercianti e degli albergatori che hanno confermato la vitalità del tessuto sociale della nostra Città. Un pensiero particolare va oggi ai balneari di Torvaianica: finalmente il Consiglio comunale ha approvato il Piano di Utilizzazione dell’arenile (PUA), strumento di programmazione e pianificazione dell’utilizzo delle aree demaniali marittime ai fini turistici. Un passo importante verso la valorizzazione e la crescita turistico-ricettiva del nostro litorale”.

 

“La strada è ancora lunga – conclude il Primo Cittadino – Abbiamo intenzione di lavorare nella massima trasparenza al servizio della Città e dei cittadini per i prossimi cinque anni”.

Continua a leggere Pomezia, 100 giorni di Amministrazione comunale: il bilancio del Sindaco Zuccalà su Il Corriere della Città.

Pomezia, 80 lavoratori della Be Solution a rischio licenziamento, Mengozzi: “Amministrazione intervenga”

“Auspico un intervento diretto dell’amministrazione comunale sul caso degli 80 lavoratori della Be Solutions. Serve un tavolo di confronto istituzionale che metta l’azienda davanti alle sue responsabilità”. Lo afferma in una nota il consigliere comunale di Pomezia Stefano Mengozzi a proposito della vertenza del gruppo Be Solutions, società con sede in via Laurentina che da anni gestiva la digitalizzazione dei documenti per conto di Enel e che, dopo che quest’anno il colosso dell’energia ha messo a bando il servizio, ha perso la commessa in favore di un altro operatore.

“E’ assurdo lasciare 80 lavoratori nell’incertezza sul futuro, con la spada di Damocle del licenziamento che pende sulle loro teste. Da questo punto di vista la notizia positiva è l’interessamento diretta della commissione Lavoro della Regione Lazio. Ho avuto modo di interloquire con il presidente, l’.On. Eleonora Mattia, che ha preso un impegno diretto per portare la vertenza su un tavolo regionale. L’azinda deve dare spiegazioni sul comportamento di queste settimane, i lavoratori non possono rimanere nel limbo del possibile licenziamento”, conclude Stefano Mengozzi, consigliere comunale Pomezia Domani.

Continua a leggere Pomezia, 80 lavoratori della Be Solution a rischio licenziamento, Mengozzi: “Amministrazione intervenga” su Il Corriere della Città.

Pomezia, parla Fucci: “amministrazione ferma, città bloccata”

L’ex Sindaco di Pomezia Fabio Fucci torna ad attaccare la nuova amministrazione. Ora all’opposizione, Fucci traccia un bilancio critico dei primi mesi dei suoi ex compagni 5 Stelle alla guida della città con Adriano Zuccalà.

“Città sporca e nel degrado”

“Dalle vostre segnalazioni e da quello che mi scrivete”, afferma l’ex Sindaco, “mi dipingete l’immagine di una città ferma e anche io ho la stessa impressione. Molti di voi dicono che Pomezia è tornata a dieci anni fa, peggiorata rispetto a quello che eravate abituati a vedere. Effettivamente è così: non ci sono più cantieri che partono, la città è sporca e immersa nel degrado. Anche i passaggi della nettezza urbana e della raccolta differenziata latitano, saltano in diverse occasioni. C’è un aspetto su tutti che però mi infastidisce particolarmente: ricevo segnalazioni di elettori del M5S che sono delusi per aver espresso il loro voto lo scorso giugno in favore dei pentastellati. Questo dovrebbe suscitare in me un sentimento di rivalsa, ma non è così. Voglio chiedere scusa a questi cittadini”, continua il capogruppo di Essere Pomezia. “Evidentemente non sono riuscito a metterli in guardia e a far capire loro che il territorio sarebbe stato lasciato nelle mani di amministratori sprovveduti, improvvisati e poco competenti, con effetti evidenti e sotto gli occhi di tutti”.

Scuole: “dovranno pagare le famiglie”

“Voglio farvi un esempio, legato alle scuole comunali: quando io sono stato sindaco ho investito, insieme alla giunta, tante risorse e tanto tempo per renderle più belle e accoglienti, con servizi migliorativi. Quest’anno, invece, per la prima volta le famiglie i cui figli frequentano i plessi comunali, dovranno pagarsi i libri di testo e le attività extra scolastiche. Tutto questo, che sotto la mia amministrazione era a carico del comune, rappresenta un deciso salto indietro nel tempo che fa piombare Pomezia nel suo triste passato. Un qualcosa di grave”, conclude Fucci, “che si aggiunge alla sporcizia per le strade, all’erba che non viene potata, alla presenza delle zanzare, insomma: una città ferma. Il Movimento 5 Stelle in campagna elettorale aveva promesso continuità col passato, tuttavia da quello che abbiamo visto in questi mesi, sembra che la maggioranza stia venendo meno a questa promessa, procedendo a passo di gambero”. 

Continua a leggere Pomezia, parla Fucci: “amministrazione ferma, città bloccata” su Il Corriere della Città.

Torvaianica, CasaPound: blitz antidegrado in Piazza Italia

“Spaccio, bivacchi e criminalità: queste le cause dello striscione affisso questa notte dai militanti di CasaPound per rimarcare le problematiche segnalate dai cittadini”.
 
Ad annunciarlo è Roberto Camerota, esponente del movimento su Pomezia.
 
“Attraverso l’azione i militanti hanno voluto richiamare all’attenzione il Sindaco ed i suoi collaboratori in merito alla mancanza di iniziative volte a risolvere questo problema, rispetto a quanto promesso durante la campagna elettorale”.
 
“Contro l’abbandono di Torvaianica – conclude Camerota – chiediamo alle istituzioni un rapido intervento per combattere il problema del degrado che grava sui residenti”.

Continua a leggere Torvaianica, CasaPound: blitz antidegrado in Piazza Italia su Il Corriere della Città.

Pomezia, vertenza Coop: il Sindaco Zuccalà in Regione per l’incontro presso l’Assessorato al Lavoro

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha partecipato ieri all’incontro presso l’Assessorato al Lavoro della Regione Lazio sulla vertenza Coop. All’incontro erano presenti tutti i Sindaci delle Città coinvolte e l’Assessore regionale Claudio Di Berardino.

“E’ stato un confronto costruttivo che ha messo al centro le necessità e le urgenze dei circa 270 lavoratori coinvolti – dichiara il Primo Cittadino – Continueremo insieme a seguire la vertenza, a partire dall’incontro di oggi al Mise al quale partecipa una delegazione di sindaci”.

Continua a leggere Pomezia, vertenza Coop: il Sindaco Zuccalà in Regione per l’incontro presso l’Assessorato al Lavoro su Il Corriere della Città.

Pomezia: il nuovo Segretario generale è la dott.ssa Nadia Iannotta

Il Sindaco e la Giunta hanno accolto stamattina il nuovo Segretario generale del Comune di Pomezia. E’ la dott.ssa Nadia Iannotta, Segretario comunale dal 1997, a sostituire il dott. Tullio Di Ascenzi dopo quattro anni e mezzo.

“Diamo il benvenuto al nuovo segretario generale dell’Ente – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – che ho scelto personalmente dopo un’attenta selezione. Ci aspetta un grande lavoro da fare e una lunga strada da percorrere insieme. La dott.ssa Iannotta si occuperà tra le altre cose di potenziare e valorizzare gli strumenti di partecipazione cittadina e assumerà la dirigenza degli Affari generali e del Personale dell’Ente. Da parte di tutta l’Amministazione comunale le auguro buon lavoro”.

Continua a leggere Pomezia: il nuovo Segretario generale è la dott.ssa Nadia Iannotta su Il Corriere della Città.