image_pdfimage_print

Seconda prova di esame: la bici con ruote quadrate per lo scientifico

tutte le prove dei vari indirizzi

La seconda prova degli esami di maturità 2017 ha avuto inizio questa mattina alle 8.30.  E mentre, per il Liceo Classico, gli studenti si sono imbattuti su Seneca con “Dalle Epistole a Lucillo”, in cui l’autore parla del valore della filosofia e del bisogno che l’uomo ha di essa, descrivendone le caratteristiche e le finalità, specialmente in relazione agli aspetti pratici della vita.

Al Liceo scientifico, invece, è capitato il problema su bici con ruote quadrate  “Si può pedalare agevolmente su una bicicletta a ruote quadrate?”.

Il quesito ricorda che “a New York, al MoMath-Museum of Mathematics, in uno dei padiglioni dedicati al divertimento matematico è allestita tale singolare bicicletta.

E la bici funziona davvero, se il profilo della pedana su cui il lato della ruota può scorrere soddisfa alcuni requisiti.

Sulla base delle informazioni ricavabili da un grafico che rappresenta il profilo della pedana, agli studenti viene chiesto se una funzione indicata rappresenti adeguatamente il profilo della pedana (studio di funzione e punti di non derivabilità). 

Il secondo problema invece, riguarda lo studio di una funzione con limiti e grafici di derivata e primitiva. Infine sono proposti 10 quesiti su vari argomenti: integrali, volume sfera e cilindro, limite e probabilità, retta e piano nello spazio, geometria analitica nello spazio, probabilità e dado truccato, teorema di Rolle. 

Al linguistico analisi di un brano in inglese su povertà e istruzione negli Usa  La traccia di attualità al Liceo Linguistico chiede al candidato di analizzare in lingua inglese un brano tratto dall’articolo ”Poverty Affects Education – And our Systems Perpetrate It” scritto da Stephen Slade e pubblicato su The Huffington Post. L’articolo solleva la questione della povertà sempre più diffusa negli Stati Uniti, soffermandosi sull’istruzione e su come si ripercuote sui bambini. Dopo aver risposto a domande relative al brano proposto è richiesta al candidato un’elaborazione sul tema sollevato arricchita da opinioni personali.

Diritto ed economia al liceo delle scienze umane.  Per quanto riguarda gli altri indirizzi di studio i maturandi dovranno affrontare diritto ed economia politica al liceo delle Scienze umane, tecniche della danza al liceo Coreutico, economia aziendale per l’indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing degli Istituti tecnici, Tecniche professionali dei servizi commerciali per l’indirizzo Servizi commerciali degli Istituti professionali sono alcune delle altre materie selezionate per il secondo scritto negli altri indirizzi di studio.

Marina Cozzo

The post Seconda prova di esame: la bici con ruote quadrate per lo scientifico appeared first on Il Corriere della Città.

Maturità 2017, la traduzione della versione di Seneca “Il Valore Della Filosofia” dalle “Lettere a Lucilio”

Questa mattina i maturandi sono alle prese con la seconda prova di Maturità. Gli studenti del liceo classico stanno affrontando la versione di latino che quest’anno riguarda un testo di Seneca. Nel dettaglio la Seconda Prova della Maturità 2017 per il classico riguarda il testo “Il Valore Della Filosofia” di Seneca, estratto dalle “Lettere a Lucilio”. Ecco il testo e la traduzione della versione di latino per la Seconda Prova 2017: Seneca, Epistulae ad Lucilium 16, 3-5.

Versione di Latino Maturità 2017

Il testo della versione uscita alla Seconda Prova di Maturità 2017. Il testo è dell’autore Seneca ed è estratto dalle “Lettere a Lucilio”:

Non est philosophia populare artificium nec ostentationi paratum; non in verbis sed in rebus est. Nec in hoc adhibetur, ut cum aliquā oblectatione consumatur dies, ut dematur otio nausia: animum format et fabricat, vitam disponit, actiones regit, agenda et omittenda demonstrat, sedet ad gubernaculum et per ancipitia fluctuantium derigit cursum. Sine hāc nemo intrepide potest vivere, nemo secure; innumerabilia accidunt singulis horis quae consilium exigant, quod ab hāc petendum est. [4] Dicet aliquis, “Quid mihi prodest philosophia, si fatum est? Quid prodest, si deus rector est? Quid prodest, si casus imperat? Nam et mutari certa non possunt et nihil praeparari potest adversus incerta, sed aut consilium meum occupavit deus decrevitque quid facerem, aut consilio meo nihil fortuna permittit.” [5] Quidquid est ex his, Lucili, vel si omnia haec sunt, philosophandum est; sive nos inexorabili lege fata constringunt, sive arbiter deus universi cuncta disposuit, sive casus res humanas sine ordine impellit et iactat, philosophia nos tueri debet. Haec adhortabitur ut deo libenter pareamus, ut fortunae contumaciter; haec docebit ut deum sequaris, feras casum.

La traduzione della versione di Latino uscita alla Seconda Prova Maturità 2017

La traduzione completa della versione di Seneca “Il Valore Della Filosofia” uscita alla Seconda Prova di Maturità 2017:

La filosofia non è un’attività volgare e disposta per vanteria; non consiste nelle parole ma nelle cose. E non viene usata affinché si passi il giorno con qualche distrazione, affinché diminuisca la noia dell’inerzia: forma ed edifica l’animo, dà ordine alla vita, indirizza le azioni, mostra ciò che si deve fare e ciò che si deve non fare, siede al timone e dirige la rotta di coloro che vagano nell’incertezza.
Senza di questa, nessuno può vivere senza paura, nessuno in sicurezza; in ogni ora accadono infinite cose che hanno bisogno di decisione, e a questa bisogna richiederla. Qualcuno dirà: “A che cosa mi giova la filosofia, se esiste il fato? A cosa mi giova, se un dio è reggitore di ogni cosa? A cosa mi giova, se regna il caso? Infatti, le cose certe non possono cambiare, e contro le incerte non si può predisporre nulla, ma o un dio ha dominato la mia decisione e ha stabilito che cosa io facessi, o il caso non permette nulla alla mia decisione”.
Qualunque di queste potenze (qualunque di queste) esista, o Lucilio, o se esistono tutte queste, bisogna praticare la filosofia; sia che il fato ci leghi con la sua inesorabile legge, sia che un dio, signore dell’universo, abbia disposto tutto quanto, sia che il caso spinga e agiti senza ordine gli umani eventi, la filosofia deve prendersi cura di noi. Questa ci esorterà ad obbedire con piacere al dio e con fierezza alla fortuna; questa ti insegnerà a seguire il dio e a sopportare la sorte (insegnerà affinchè tu segua il dio e sopporti il caso).

La Seconda Prova di Maturità 2017 è differente a seconda dell’indirizzo dei maturandi. Gli studenti del liceo scientifico sono alle prove con l’esame di matematica.

The post Maturità 2017, la traduzione della versione di Seneca “Il Valore Della Filosofia” dalle “Lettere a Lucilio” appeared first on Il Corriere della Città.

Miracolo economico, il tema storico della Prima Prova di Maturità 2017

Tra le tracce a disposizione dei maturandi per la Prima Prova degli Esami di Stato 2017 la Tipologia C (tema storico) offre una traccia sul miracolo economico tra gli anni ’50 e ’60.

Per tutti gli studenti che non hanno intenzione di cimentarsi nell’analisi del testo di Giorgio Caproni e nel saggio breve “La Natura tra Minaccia e Idillio in Arte e Letteratura” è dunque possibile concentrarsi sul tema storico: “Boom economico, rivoluzione giovanile e musicale, liberazione sessuale, emancipazione femminile, gap generazionale sono le parole chiave per descrivere i cambiamenti avvenuti tra gli anni ’50 e gli anni ’60 in Italia e in Europa. Gli anni ’50, in particolare, sono un momento importante di rinascita: dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, l’Italia si ritrova a dovere iniziare, con una nuova forma di governo (la Repubblica) e un Paese da ricostruire. Si apre un periodo di pace e di prosperità lungo che non si conosceva da tempo e che forse non si era mai conosciuto prima”, con queste parole il team del portale StudentVille.it introduce lo svolgimento della Tipologia C della Maturità 2017.

Tema Storico sul Miracolo Economico svolto: la soluzione della Prima Prova di Maturità 2017

In Rete, infatti, numerosi siti web hanno iniziato ad analizzare le tracce della Prima Prova e in molti stanno pubblicando le tracce svolte della Maturità 2017. Ecco un estratto di quanto pubblicato da StudentVille:

“Gli anni ’50 furono caratterizzati in Italia, ma non solo, da profonde trasformazioni sociali, economiche e culturali, anche se non riuscirono a cancellare tutti gli squilibri accusati fin dal secondo dopo guerra. Grazie anche al Piano Marshall e all’adesione dell’Italia alla CECA, embrione della futura Unione Europea, il nostro Paese subì una fortunata fase di boom economico, soprattutto con lo sviluppo del settore industriale, arrivato nella sua fase culminante tra il 1955 e il 1963. La ricchezza si concentrò soprattutto nel triangolo industriale di Milano, Torino e Genova, causando quindi l’aumento di fenomeni migratori interni, con molti disoccupati che dal Sud Italia si trasferiscono nelle città del nord. Raddoppiò così la popolazione attiva rispetto agli anni precedenti, mentre rallentarono i flussi migratori verso Stati Uniti e altri Paesi europei”.

La soluzione completa del tema storico sul miracolo economico è disponibile sul portale per studenti StudentVille.it

The post Miracolo economico, il tema storico della Prima Prova di Maturità 2017 appeared first on Il Corriere della Città.

La Natura tra Minaccia e Idillio in Arte e Letteratura: Saggio Breve Maturità 2017

La Prima Prova della Maturità 2017 è ufficialmente iniziata. Gli studenti questa mattina sono impegnati con la prova di italiano che tra le tracce ha visto la presenza dell’autore Giorgio Caproni con la poesia “Versicoli quasi ecologici”.

Svolgimento Tipologia B Prima Prova Maturità 2017

Per quanto riguarda la Tipologia B del Saggio Breve della Maturità 2017 invece troviamo la traccia “La Natura tra Minaccia e Idillio nell’Arte e nella Letteratura“. A poche ore dall’inizio della Prima Prova 2017, numerosi portali dedicati agli studenti hanno svolto le tracce della Prima Prova tra cui il sito web StudentVille.it che da qualche minuto ha pubblicato la soluzione della Tipologia B:

“La natura appare agli occhi degli uomini in una duplice e contraddittoria veste: quella della bellezza e quiete e quella della potenza distruttrice. Ne è evidente esempio, tra i tanti, la “Ginestra” del Leopardi, in cui alla contemplazione del Golfo di Napoli con le sue visioni di statica pace si oppone il continuo pericolo del Vesuvio, con il ricordo della distruzione di Pompei. La natura è dunque ingannevole? Gli uomini, conclude il poeta, possono solo “confederarsi”, unirsi moralmente per difendersi dalle minacce che sono nascoste dietro lo stesso idillio che a volte appare. Il rapporto quasi conflittuale con il mondo è dallo stesso Leopardi nel denso e filosofico “Dialogo della Natura e di un islandese”: la natura è indifferente alle sorti degli uomini, e un “meccanismo”, e questo, apparendo come una persona o dea, dichiara spietatamente al suo interlocutore”.

La traccia svolta completa è disponibile sul sito internet StudentVille.it

The post La Natura tra Minaccia e Idillio in Arte e Letteratura: Saggio Breve Maturità 2017 appeared first on Il Corriere della Città.

“Versicoli quasi ecologici” di Giorgio Caproni: traccia svolta Prima Prova Maturità 2017

La traccia e la soluzione della Prima Prova di Maturità 2017. A pochi minuti dalla diffusione dell’autore dell’analisi del testo della Prima Prova 2017, in Rete i principali portali d’informazione per studenti hanno iniziato a riportare il testo svolto dell’analisi del testo della poesia “Versicoli quasi ecologici” di Giorgio Caproni. La redazione del portale per studenti StudentVille ha da pochi minuti pubblicato la comprensione del testo della prima prova di italiano della Maturità 2017:

“Il poeta, ormai ottantenne, sembra dirci che, tra le cose ormai perse, di cui si sente terribilmente la mancanza, c’è di sicuro lo strettissimo rapporto tra natura ed essere umano che era già presente quando il poeta era giovane. La natura è infatti in stretto contatto con l’uomo e questo deve salvaguardarla: il poeta dice infatti “non uccidete il mare” e rispettate tutti gli elementi della natura, in quanto l’uomo è fatto proprio di questo. L’amore finisce quando finisce l’erba. Se dovesse sparire una foresta potremmo respirare a fatica, mentre se dovesse sparire l’uomo la natura starebbe molto meglio”.

Chi è Giorgio Caproni

Giorgio Caproni è nato a Livorno nel 1912 e si è poi trasferito con la famiglia a Genova nel 1922, dove frequentò la Facoltà del Magistero. Fin da bambino studio il violino e seguì lezioni di filosofia con Giuseppe Rensi. La sua prima raccolta di poesie risale al 1936. Nel 1938 si trasferì con la moglie Rina a Roma, dove esercitò la professione di maestro fino al 1973.

Dopo la seconda guerra mondale collaborò con numerose testate giornalistiche come articolista e traduttore. Tra le sue collaborazioni si ricorda quella con l’Avanti, L’Italia Socialista e Il lavoro nuovo dove aveva il compito di traduttore di prosa e poesia, soprattutto dal francese. Tradusse I fiori del male di Baudelaire, Bel-ami di Maupassant, Il tempo ritrovato di Proust. Giorgio Caproni nel corso della sua carriera vinse due premi letterari, anche se il grande successo arrivò nel 1975 con Il muro della terra (premio Gatto) e Il franco cacciatore, con cui vinse i premi Montale e Feltrinelli. Nel 1984 ricevette una laurea honoris causa in Lettere e Filosofia presso l’università di Urbino Carlo Bo e la cittadinanza onoraria nella città di Genova, città che influenzò profondamente con la sua poesia. Morì a Roma il 22 gennaio 1990.

Le opere di Giorgio Caproni

Come un’allegoria, 1936
Ballo a Fontanigorda, 1938
Finzioni, 1941
Cronistoria, 1943
Il passaggio d’Enea, 1956
Il seme del piangere, 1959
Congedo del viaggiatore cerimonioso, 1965
Il muro della terra, 1975
Il franco cacciatore, 1982
Il Conte di Kevenhuller, 1986
Res Amissa, 1991
Poesie (1932-1991)

The post “Versicoli quasi ecologici” di Giorgio Caproni: traccia svolta Prima Prova Maturità 2017 appeared first on Il Corriere della Città.

Maturità 2017, analisi del testo Giorgio Caproni “Versicoli Quasi Ecologici”

A pochi minuti dall’apertura dal plico telematico in Rete si è iniziato a parlare dell’autore scelto dal Miur per la Prima Prova della Maturità 2017. Secondo le prime indiscrezioni l’esame di stato 2017 vede l’analisi del testo della poesia “Versicoli Quasi Ecologici” di Giorgio Caproni, contenuta nella raccolta “Res Amissa”.

Giorgio Caproni, classe 1912, è stato un poeta, critico letterario e traduttore italiano. La sua poetica si basa su temi ricorrenti come Genova, la città natale, viaggio e linguaggio.

Analisi del testo Maturità 2017

Non uccidete il mare,
la libellula, il vento.
Non soffocate il lamento
(il canto!) del lamantino.
Il galagone, il pino:
anche di questo è fatto
l’uomo. E chi per profitto vile
fulmina un pesce, un fiume,
non fatelo cavaliere
del lavoro. L’amore
finisce dove finisce l’erba
e l’acqua muore. Dove
sparendo la foresta
e l’aria verde, chi resta
sospira nel sempre più vasto
paese guasto: Come
potrebbe tornare a essere bella,
scomparso l’uomo, la terra.

Tracce Prima Prova Maturità 2017

Tra le altre tracce della prima prova 2017 il saggio breve in ambito artistico letterario traccia su “La natura tra minaccia e idillio in arte e letteratura“.  In ambito socio-economico il tema è su “Nuove tecnologie e lavoro“,  in ambito storico-politico “Disastri e ricostruzione“. Tra le tracce a disposizione dei maturandi quest’anno “Nuove tecnologie nel mondo e lavoro, robotica e futuro” in ambito scientifico-tecnologico e socio economico. Per il tema storico scelto il miracolo economico italiano degli anni ’50 e ’60.

The post Maturità 2017, analisi del testo Giorgio Caproni “Versicoli Quasi Ecologici” appeared first on Il Corriere della Città.

Esami di Stato 2017, errore d’ortografia sul sito della Maturità

A meno di 24 ore dall’inizio della Prima Prova di Maturità 2017 sul sito ufficiale del ministero dell’Istruzione è comparso un errore d’ortografia che ha fatto subito il giro del web. Come visibile dall’immagine in apertura, nella mattinata di oggi un gruppo di studenti alla ricerca delle ultime indiscrezioni sul toto-traccia della Maturità 2017 si è imbattuto in un’improbabile scritta “traccie” nella quale campeggiava una “i” di troppo.

La frase in questione è stata pubblicata per errore, ovviamente, ma la foto è stata subito ripresa da tutte le principali testate giornalistiche italiane con numerosi commenti e meme virali che da qualche ora stanno invadendo pagine e gruppi Facebook dedicati agli Esami di Stato 2017. Subito dopo la diffusione dell’errore di ortografia il Ministero dell’Istruzione ha diffuso una nota spiegando di aver visto “il refuso sul sito degli esami di Stato” e di essere “subito intervenuti per farlo correggere”.

“Si tratta di un errore di battitura, di un errore materiale che, naturalmente, non doveva esserci, tanto più su una pagina che riguarda gli esami”. Come spiegato dal Miur però la responsabilità è da attribuire all’esterno: “Il fornitore tecnico che gestisce l’inserimento dei contenuti sul sito del Ministero ci ha fatto pervenire una lettera di scuse per l’episodio accaduto che arreca un danno d’immagine alla nostra istituzione”.

Ultime indiscrezioni sulle tracce della Prima Prova di Maturità 2017

Nella giornata di domani, 21 giugno 2017, si terrà la Prima Prova della Maturità 2017. Per l’occasione abbiamo pubblicato un toto-tema con tutte le indicazioni sulle possibile tracce e autori in uscita per il tema d’italiano: ecco le possibili tracce della Prima Prova di Maturità 2017.

The post Esami di Stato 2017, errore d’ortografia sul sito della Maturità appeared first on Il Corriere della Città.

Maturità 2017, le possibili tracce della Prima Prova: tutte le ultime novità e indiscrezioni sugli autori

Gli Esami di Stato sono ormai imminenti, mercoledì 21 giugno gli studenti dovranno affrontare la Prima Prova della Maturità 2017. Come ogni anno i maturandi sperano di ottenere qualche anticipazione dalla Rete circa gli autori e le tracce che caratterizzeranno la prima giornata d’esami.

Secondo le ultime indiscrezioni diffuse su Internet dai principali portali dedicati agli studenti, i circa 500mila maturandi italiani delle superiori, dai licei agli istituti tecnici e professionali, dovranno fare i conti con il tema d’italiano. La prova più temuta sembra essere l’analisi del testo che potrebbe includere una traccia su Claudio Magris, lo stesso già scelto dal Ministero per la Maturità 2013. Tra gli altri autori candidati al toto-tema della Maturità 2017 anche Quasimodo, Montale, Ungaretti e Pirandello. Analizzando i nomi degli autori più temuti dagli studenti secondo una ricerca condotta dai responsabili del portale ScuolaZoo anche il fondatore del movimento futurista Filippo Tommaso Marinetti, Dante e Umberto Saba.

Secondo gli studenti, che da giorni condividono informazioni sulla Maturità tramite Facebook ed altri social network, tra gli autori probabili anche Primo Levi, di cui quest’anno ricorre l’anniversario della morte. Tra le altre tipologie di testo a disposizione degli studenti alle prese con la Prima Prova di Maturità 2017 anche il saggio breve, l’articolo di giornale, il tema storico e quello di attualità. Tra le possibili tracce di attualità alla Prima Prova degli Esami di Stato quest’anno ci si attende una traccia sull’anniversario della morte dei giudici antimafia Falcone e Borsellino ma anche l’elezione di Donald Trump, i 50 dalla morte di Che Guevara e i 100 anni dalla nascita di John Fitzgerald Kennedy.

Prima prova Maturità 2017: possibili tracce

Secondo il sito web Skuola.net quest’anno alla prima prova di Maturità gli studenti dovranno affrontare una traccia su Pirandello: “Luigi Pirandello è stato un crescendo costante; punto dopo punto ha lasciato al palo i contendenti e si è imposto quasi come l’unica opzione valida, la più probabile, per uscire nell’analisi del testo il giorno dello scritto d’italiano. A inizio aprile era al 17%, oggi sale fino al 23%. Gli unici a tenergli testa sono Giuseppe Ungaretti (all’11%) ed Eugenio Montale (10%)”. Per quanto riguarda le tracce del tema di attualità grandi probabilità sull’argomento Terrorismo. Per il saggio breve invece ci si attende una traccia su Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, protagonisti perfetti per la Maturità 2017 visto il 25esimo anniversario delle stragi di Capaci e via D’Amelio.

Anche la redazione del portale Studenti.it ha rilasciato un articolo con il toto-traccia della Prima Prova di Maturità 2017, per il sito in questione: “Bullismo e cyberbullismo, femminicidio, terrorismo, giovani: sono solo alcuni dei temi che potrebbero essere tracce della prima prova 2017”.

Della stessa idea la squadra di StudentVille.it che riporta un’interessante indizio sul possibile autore della prima prova di Maturità: “Il Ministro Valeria Fedeli, potrebbe aver involontariamente rivelato l’autore della maturità 2017? Ciò che sappiamo per certo è che un mese fa ha invitato i giovani a studiare e a riflettere su Antonio Gramsci che “rappresenta un pezzo importante della storia del secolo scorso” (quest’anno ricorre l’ottantesimo anniversario dalla morte del fondatore del Partito Comunista)”. 

The post Maturità 2017, le possibili tracce della Prima Prova: tutte le ultime novità e indiscrezioni sugli autori appeared first on Il Corriere della Città.