image_pdfimage_print

Grande successo per “La Rosa e il principe di FarTeatro

A settembre la replica
 
Grande emozione e successo, ieri pomeriggio, presso il Pidocchietto di Aprilia, per l’interpretazione dei ragazzi della compagnia teatrale farTEatro che hanno portato in scena lo spettacolo teatrale “La rosa  il principe”, liberamente ispirato al libro Il Piccolo Principe.
Grande crescita dei ragazzi in questo percorso seguiti dal regista Giuliano Leva, bravi nel tenere la scena e i ruoli nonostante improvvisi problemi tecnici.
 
Il Piccolo Principe è uno straordinario viaggio per non dimenticare i valori fondamentali della vita, l’amicizia, l’amore, la fedeltà.
Il laboratorio di Farteatro ha dato voce e penna ai ragazzi al fine di realizzare ed essere sempre più coinvolti nella messa in scena. 
È stata loro la scelta delle immagini dello spettacolo e di alcune idee musicali. Hanno avuto modo di confrontarsi con i propri personaggi e quelli degli altri facendo delle analisi che hanno sorpreso gli stessi insegnanti nel vedere i ragazzi che hanno voluto sperimentare le loro scelte mettendole in pratica nello spettacolo, tipo la figura del serpente. Quindi sia le scelte registiche che la ricerca dei personaggi sono opera degli stessi ragazzi.
 
Lo spettacolo verrà messo in scena nuovamente a settembre, tante sono state le richieste di prenotazione all’Associazione Colori nel Mondo, che ha proposta subito una replica dopo l’estate.
 
Un applauso a tutti i ragazzi, gli insegnanti e collaboratori
 
Giacomo Caroli il Piccolo Principe
Carlotta Battagliero ha prestato la voce alla Rosa
Ludovica Leva il Pilota 
Emma Grande Volpe e Ubriaco
Serena Sabatucci il Re
Marta Orefice l’Uomo d’affari
Sergio Valeri il Vanitoso e Controllore
Damiano Scaraggi il Lampionaio
Kevin Frantellizzi il Geografo

 

Gli insegnanti che hanno lavorato in questo meraviglioso viaggio:
Giuliano Leva Regista e attore che ha accompagnato nelle scelte registiche i ragazzi durante il corso
Sabrina Leva che ha seguito i ragazzi nella realizzazione del sito www.larosaeilprincipe.it e la relativa pagina facebook;
Antonio Amore per la realizzazione grafica del logo insieme ai ragazzi, e la creazione della locandina
Christian Sana per gli scatti fotografici utili per le immagini del sito
Patrizia, Elisa e Simona D’Annibale per la sartoria, i cambi costume indispensabili in uno spettacolo che vede la presenza in scena di molti personaggi
 
Sono aperte le iscrizioni al corso farTEatro per l’anno 2017/2018 per informazioni:
info@farteatro.it – Sabrina 3385995608 – Giuliano 3473319260

The post Grande successo per “La Rosa e il principe di FarTeatro appeared first on Il Corriere della Città.

I ragazzi di FarTeatro debuttano con “La rosa e il Principe” al Pidocchietto

il 4 giugno

L’Associazione Colori nel Mondo, domenica 04 giugno 2017, alle ore 17,30, presso il teatro Il Pidocchietto di Aprilia, terrà lo spettacolo “La rosa e il Principe” portato in scena dai ragazzi del laboratorio teatrale farTEatro.

www.larosaeilprincipe.it

 Come nasce lo spettacolo: 
Sono molte le interpretazioni teatrali della storia della vita de Il Piccolo Principe, ancora oggi forse il messaggio che Antoine de Saint-Exupervy ci voleva lasciare con il suo racconto rimane nascosto tra le righe di questa favola, per cui “L’essenziale è invisibile agli occhi”!

Il libro ed i suoi protagonisti possono essere letti come un messaggio di tolleranza ed accettazione, ma soprattutto di riscoperta del valore dei sentimenti e dei legami affettivi, motivo per cui questa favola andrebbe riletta più volte nel corso della nostra vita, un promemoria di ciò che per noi è realmente importante ma che per paura di soffrire tendiamo a dimenticare.

Il piccolo principe racconta l’incontro con personaggi diversi, ognuna di queste figure bizzarre lascia il Protagonista stupito e sconcertato per la stranezza delle persone adulte.
 
Il percorso teatrale intrapreso di ragazzi, protagonisti della storia, ha fatto emergere una prospettiva completamente nuova e di grande impatto emotivo. 
In primo luogo i rapporti fra i personaggi

Il pilota ed il Piccolo Principe: l’adulto ed il bambino
Il ricordo e la sensazione di fallimento del pilota all’età di 6 anni, che lo fa rinunciare al suo sogno: abbandonare una delle sue più grandi passioni, il disegno. Il pilota conserva il disegno “per non dimenticare, giustamente, a che punto la mancanza d’immaginazione degli adulti potesse essere grande e scoraggiante”. Il Pilota ci ricorda che spesso: 
 
“I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano di spiegargli tutto ogni volta”.

Crescendo a volte mettiamo da parte la nostra parte più giocosa e creativa. Il paradosso è capire quali sono le possibili attività piacevoli, mentre da bambini era la cosa che ci risultava più naturale al mondo, da grandi ci ritroviamo a fare i compiti per quello che ci siamo dimenticati di noi di quando eravamo bambini ed eravamo impegnati a studiare per diventare grandi.
Nel personaggio del pilota viene mostrato come le nostre prime esperienze possono influenzare il nostro diventare adulti.
Il Pilota crea con il Piccolo Principe un vero e proprio legame d’amicizia. Questo personaggio mostra di non scoraggiarsi facilmente, si trova nell’immensità del deserto e, pur essendo solo, non si perde mai d’animo e cerca di uscire da quella situazione anche se non è per niente semplice.

La Volpe e la Rosa: attaccamento e relazioni
Il rapporto tra il protagonista e la volpe: l’incontro tra i due è un trattato sull’importanza dei legami nelle relazioni umane. Un amico non è una persona uguale a tutte le altre.

“Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l’uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo”.
La volpe, insegna al Piccolo Principe il valore dell’amicizia, che per lei significa essere addomesticata e per il piccolo principe vuol dire prendersi cura della sua rosa.
Ciò che differenzia per ognuno di noi una persona dall’altra è la relazione che costruiamo con quest’ultima dedicandole tempo e attenzioni, impegnandoci nel conoscerla nei suoi punti di forza e nelle sue fragilità. 
Il rapporto tra la volpe ed il Piccolo Principe aiuta quest’ultimo a fare chiarezza sul suo rapporto con la rosa. Il Piccolo Principe viene a conoscenza del roseto: la rosa dovrebbe perdere qualsiasi importanza per il principe, ma egli capisce che la rosa non è più speciale perché unica nel suo genere, bensì è speciale perché le vuole bene, perché c’è un legame che si è creato tra di loro.
“Non si vede bene che col cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi”

La volpe facendosi addomesticare vuol far si che il Piccolo Principe si ricordi di lei anche quando non saranno più insieme: 
 
“il colore del grano, i campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai i capelli color dell’oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano, tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato”.
 
Questo oggi nei legami e nelle relazioni è ciò che più spaventa: la responsabilità del rispetto dell’altro all’interno della relazione e la paura che questa responsabilità limiti la nostra libertà, quando siamo noi in realtà a limitarla a causa delle nostre paure più nascoste.

La rosa che vive sull’asteroide B612 (paese in cui vive il Piccolo Principe) è delicata e molto esigente, le cure e la protezione del Piccolo Principe sono quelle che le permettono di sopravvivere e di splendere della sua bellezza. Il Piccolo Principe quindi era responsabile della rosa e della sua vita, questo era ciò che la rendeva così importante per lui, ma era anche il motivo per cui alle volte avrebbe voluto dimenticarla. 
Questo è ciò che accade nei rapporti con le persone alle quali vogliamo bene: ci piace sentirci indispensabili e responsabili per l’altro, è questo che rende così importante l’altro e la relazione ma allo stesso tempo tutto questo sembra avere un costo per la nostra libertà fino a quando non ci accorgiamo che la vera libertà è quella di vivere le emozioni ed i sentimenti che sentiamo.

La vanità della rosa è la causa della rottura del rapporto con il Piccolo Principe, è così che il protagonista, perde il proprio punto di riferimento e soffre per la rottura di questo rapporto, ma proprio questa rottura, questo dolore, questo senso di solitudine è ciò che poi lo spinge a esplorare nuovi pianeti, metafora per spiegarci quanto la rottura di un rapporto possa avere due facce. perdita/opportunità, entrambe reali. Elaborata la perdita possiamo andare verso opportunità che prima ci precludevamo.

Il Piccolo Principe e gli altri personaggi
 
Il Re, monarca assoluto. Regna su un tutto che alla fine si rivela essere un niente. 
Rappresentazione del bisogno degli uomini di avere l’illusione del potere e del controllo, senza le quali alcune personalità si sentono fragili ed esposte al pericolo.

L’Uomo vanitoso, vuole solo essere ammirato e per questo risulta noioso, ha l’illusione di riempire il vuoto che sente dentro di sé colmandolo con le parole di ammirazione, rappresentazione di personalità istrioniche che puntano la loro sicurezza sull’apparire e sul mostrarsi.

L’Ubriacone, che beve per la vergogna di bere, in questo personaggio sono rappresentati i circoli viziosi delle nostre fragilità, cercando di mascherarle invece di accettarle ed imparare a gestirle. 

L’Uomo d’affari, pensava che contando le stelle diventassero sue, non saluta neanche il protagonista perché troppo impegnato. Il desiderio di possesso dell’altro per il bisogno di percepire di avere un valore, stessa motivazione per la quale accumuliamo cose delle quali non abbiamo bisogno ma che ci servono per sentire che valiamo. Possedere cose e persone ma senza dedicare tempo per coltivare i rapporti… Alla fine le migliaia di amicizie su Facebook a cosa ci servono?

Il lampionaio, è l’unico a non sembrare ridicolo per il Piccolo Principe “Forse perché si occupa di altro che non di se stesso”, fa il suo dovere senza metterlo in discussione e senza cercare soluzioni alternative, il protagonista gli da un consiglio, ma lui vorrebbe solo dormire.

Il Geografo, fa un lavoro che al Piccolo Principe sembra molto interessante ma poi rimane deluso quando scopre che non ci sono esploratori nel suo pianeta, quindi il geografo in realtà non conosce il suo pianeta. Questo personaggio svela al protagonista che i fiori sono effimeri, per questo il Piccolo Principe si dispiace di aver abbandonato la sua rosa.

Il Serpente, simbolo della morte, in questo racconto ha un’accezione positiva, come l’inizio di un viaggio. Spiega come a volte ciò che sembra un male serva a fare del bene, come il dolore per la separazione da un affetto possa in realtà permetterci di fare nuove esperienze.

Il Controllore, è addetto allo smistamento delle persone, anche lui ammette che gli uomini non sono mai contenti dove stanno e che vorrebbero sempre raggiungere un posto nuovo, ma non sanno neanche loro qual è questo posto. Ammette che la mente dei bambini è piena di buoni pensieri e questi vivono tranquilli “con il naso appiccicato ai vetri”. 

Conclusioni: 
Il Piccolo Principe è uno sguardo infantile sul mondo, ognuno di noi è stato bambino ma poi crescendo alcuni lo dimenticano e questo fa reprimere la nostra spontaneità, limita la nostra curiosità ed appiattisce le nostre emozioni facendoci iniziare a pensare che la “leggerezza” della vita non ci sia più concessa, che i sogni, le risate ed i giochi con gli amici siano sostituiti dall’esigenza e necessità di essere persone ottime in ogni momento della giornata ed in tutti gli ambiti della nostra vita e senza tempo libero a disposizione.

Nell’incontro con i vari personaggi è evidente come ogni persona abbia bisogno della presenza dell’altro per definirsi, noi esistiamo in relazione agli altri, il geografo non può fare il suo lavoro senza gli esploratori, il vanitoso non può essere tale senza nessuno che lo ammiri, stessa cosa per il re senza sudditi. L’importanza delle relazioni e dei legami rappresenta il filo conduttore della messa in scena teatrale.

The post I ragazzi di FarTeatro debuttano con “La rosa e il Principe” al Pidocchietto appeared first on Il Corriere della Città.