Incidente Roma-Fiumicino: un ferito grave, autostrada chiusa

L’autostrada Roma-Fiumicino è momentaneamente chiusa al traffico in direzione Roma a causa di un grave incidente avvenuto al km 15,100. A riportare la notizia è Anas, società del Gruppo Fs Italiane, che in una nota stampa riporta del sinistro in cui è rimasta ferita una persona. Nell’incidente di oggi, sabato 11 agosto, è rimasta gravemente ferita una persona e si è reso necessario l’intervento dell’elisoccorso.

Incidente stradale Roma-Fiumicino

Anas raccomanda prudenza nella guida e ricorda che l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web strade Anas oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione Vai di Anas, disponibile per il download gratuito su App store e e Google Play store. Inoltre si ricorda che il servizio clienti Pronto Anas è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800 841 148.

Continua a leggere Incidente Roma-Fiumicino: un ferito grave, autostrada chiusa su Il Corriere della Città.

Giusfredi e l’irrisolto problema della Pontina. La politica deve puntare su economie e progetti per infrastrutture

“La mia assenza al confronto sull’autostrada Roma-Latina è motivata da un’urgenza familiare. Ho dovuto, ieri, annullare anche altri incontri pomeridiani con diversi candidati della coalizione. Voler per forza speculare anche su un problema di carattere familiare fa parte di una becera politica che non mi piace e non ha alcun senso. Nel merito della questione, ritengo che, al punto in cui sono le fasi autorizzative, l’essere a favore o contrario all’autostrada Roma-Latina da parte di un sindaco o di un candidato sindaco non ha alcun impatto sulla realizzazione o meno dell’opera, ma solo la volontà di puntare il dito su chi è favorevole per alimentare la campagna denigratoria a livello personale. Pur contestando i modi e i metodi in cui si è arrivati ad un passo dalla cantierizzazione dei lavori, è di tutta evidenza che il problema dell’insufficienza e dell’inadeguatezza della Pontina non è stato ancora risolto nonostante se ne parli da oltre 20 anni. E colpa, a mio avviso, è della politica tutta che da una parte si trincera dietro a no preconfezionati, dall’altra esprime opinioni per accontentare gli uni e gli altri e dall’altra parte ancora non è stata in grado di gestire le fasi economiche e progettuali dell’infrastruttura. Chi ci rimette sono sempre e solo i cittadini che, oggi, sono costretti a viaggiare su una Pontina, considerata una delle strade più pericolose d’Italia, dove il limite di velocità è sceso a 60 km orari e che hanno perso posti di lavoro perché le industrie e le imprese hanno smantellato i propri impianti nella provincia anche per la carenza infrastrutturale dei trasporti”.

 

Continua a leggere Giusfredi e l’irrisolto problema della Pontina. La politica deve puntare su economie e progetti per infrastrutture su Il Corriere della Città.