Sconfitta al Tar dei privati, il vincolo MiBact è salvo: bocciato anche il ricorso di Cogea

“Chi, come l’Amministrazione a guida Movimento 5 Stelle si ostina ad attaccare il Vincolo conoscerà, ancora una volta, il sapore della sconfitta, noi glielo abbiamo detto fino allo sfinimento, ora non ci resta che attendere le valutazioni del TAR del Lazio”.

Suonano quasi come una profezia queste parole pronunciate dal gruppo No Biogas Pomezia alla vigilia dell’udienza dello scorso 16 ottobre al Tar, quando il tribunale amministrativo si era riunito per esaminare i ricorsi di alcuni privati avverso il vincolo sull’agro di Pomezia e Ardea posto dal Ministero dei beni culturali. E oggi, all’indomani della pubblicazione delle sentenze – che possiamo già definire storiche da parte dell’organo giudiziario, possiamo affermare con risoluta certezza che parole più azzeccate non si sarebbero potute utlizzare.

Il Tar del Lazio ha infatti respinto tutti i ricorsi dei privati ritenendoli infondati. A dare l’annuncio di questa importantissima vittoria sono stati Giacomo Castro (Latium Vetus), Diego Casubolo (No Biogas Pomezia) e l’avvocato Stefano Rossi con quest’ultimo che ha difeso in aula cittadini e associazioni a favore del provvedimento ministeriale.

Sconfitta al Tar su tutta la linea, il vincolo MiBact è salvo (per ora): bocciato anche il ricorso di Cogea

E’ stata una disfatta totale quella dei privati al Tar, che hanno avuto il sostegno, seppur parziale, del Comune di Pomezia. A favore del vincolo a tutela dei 2.000 ettari della campagna romana e presenti in aula Latium Vetus, il Comitato di Quartiere di Santa Palomba, alcuni rappresentanti di No Biogas Pomezia e altri cittadini.

Le società ricorrenti, nel corso dell’udienza e attraverso la documentazione presentata in precedenza, hanno provato a mettere in discussione principi, motivazioni e aspetti tecnico-giuridici del vincolo denominato “Ambito delle tenute storiche di Torre Maggiore, Valle Caia ed altre della Campagna Romana nei Comuni di Pomezia ed Ardea” ma il Tar ha tirato dritto respingendo punto per punto le obiezioni sollevate.

Nello specifico i giudici hanno ritenuto infondati i ricorsi presentati dalle società Fial Immobiliare, Elma Real Estate, Taha Estata e soprattutto Cogea, con quest’ultima che vedrebbe così sfumare – per il momento – la possibilità di realizzare l’impianto di compostaggio (a futura possibile realizzazione a ‘Bio’gas) da 60mila tonnellate proprio dirimpetto alla torre duecentesca Tor Maggiore e in mezzo ad industrie a R.I.R.

Il tribunale amministrativo ha giudicato dunque infondate le motivazione addotte dalle ricorrenti andando così a legittamare in toto, in estrema sintesi, il lavoro del Ministero e delle belle arti.

Il Tar ha ribadito infatti che l’area rappresenta un “vero unicum paesaggistico di grandissimo valore storico” e che “il vincolo paesaggistico ha la funzione di tutelare l’assetto complessivo di una porzione di territorio ritenuta di valore sotto il profilo estetico o storico-culturale, al fine di prevenirne la modificazione e di garantirne la fruizione da parte del pubblico, conservando i valori di cui è riconosciuto portatore”.

“Le scelte operate dall’Amministrazione (il Mibact, ndr)” – continuano i giudici – “di salvaguardare il paesaggio rurale residuo anche in una area prossima ad area già compromessa paesaggisticamente da impianti industriali, risulta in linea con i poteri e gli obiettivi che le sono stati posti dal legislatore del codice.

Un altro passaggio fondamentale riguarda la bocciatura del ricorso presentato da Cogea la quale aveva sottolineato, nel difendere la propria posizione d’interesse, un “eccesso di potere per manifesta illogicità, travisamento dei fatti, inadeguatezza dell’istruttoria e della motivazione, sviamento, violazione dei principi costituzionali sul contemperamento degli interessi; erronea e falsa applicazione della VIA e del PTPR; assenza dei presupposti per la qualificazione come paesaggio dell’insediamento storico diffuso”.

La difesa ricorrente ha riportato anche le valutazioni effettuate nel corso del procedimento di VIA, in cui la direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Lazio aveva rilasciato parere favorevole all’intervento.

Tra tutti i punti sollevati questo era, a nostro avviso, il più rilevante ai fini del dibattimento.

Ma la risposta dei giudici della seconda sezione quater dell’organo amministrativo è stata netta: “La censura è infondata, in quanto l’Amministrazione dei beni culturali conserva integro l’autonomo potere di provvedere all’adozione del vincolo paesaggistico. Peraltro, nel caso di specie, il parere della Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici del 2014 già prescriveva l’attenzione alla salvaguardia della visuali della Torre Maggiore. Inoltre, come risulta dalla relazione allegata al decreto e dalle controdeduzioni alle osservazioni COGEA, il vincolo è stato posto proprio al fine di conservare e salvaguardare un tratto di campagna Romana caratterizzato da un sistema di Torri, casali e castelli che avevano il proprio centro nella Torre Maggiore, la cui chiusura, anche dell’ultimo lato ancora libero, in base alle valutazioni dell’Amministrazione farebbe sostanzialmente venire meno la stessa ratio del vincolo. Tali valutazioni, ampiamente discrezionali, operate dall’Amministrazione, non superano il limite della illogicità e irragionevolezza, rispetto allo stato dei luoghi risultante dalla documentazione prodotta in giudizio sia dalla parte ricorrente che dall’Amministrazione”.

Ora i privati avranno la possibilità di impugnare la sentenza al Consiglio di Stato.

 

 

Continua a leggere Sconfitta al Tar dei privati, il vincolo MiBact è salvo: bocciato anche il ricorso di Cogea su Il Corriere della Città.

Maltempo, nuova allerta meteo: temporali e raffiche di vento in arrivo

“Il Centro Funzionale Regionale rende noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso oggi un avviso di condizioni meteorologiche avverse, con indicazione che dalla serata di oggi, mercoledì 31 ottobre e per le successive 24-36 ore si prevedono sul Lazio ‘precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere temporalesco. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Venti da forti a burrasca, dai quadranti meridionali, sui settori costieri. Mareggiate lungo le coste esposte’.

Il Centro Funzionale Regionale ha adottato l’avviso di criticità con indicazione dalle prime ore di domani, giovedì 1 novembre e per le successive 24-36 ore, si prevede nelle zone di allerta del Lazio: criticità idrogeologica per temporali codice arancione su Bacini Costieri Nord, Medio Tevere, Roma; criticità idrogeologica codice arancione su Aniene, Bacini Costieri Sud e Bacino del Liri; criticità idrogeologica per temporali codice giallo su Rieti. È stata inoltre emessa un’attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio.

La Sala Operativa Permanente ha diffuso l’allertamento del Sistema di Protezione Civile Regionale e invitato tutte le strutture ad adottare tutti gli adempimenti di competenza. Si ricorda che per ogni emergenza è possibile fare riferimento alla Sala Operativa Permanente al numero 803.555″.

Lo comunica in una nota la Protezione civile del Lazio.

Continua a leggere Maltempo, nuova allerta meteo: temporali e raffiche di vento in arrivo su Il Corriere della Città.

Ardea, furto alla Banca a Lido dei Pini: bancomat smurato con la ruspa, bottino da 60mila euro

C’è da dire che ad Ardea la fantasia non manca ai malviventi nel mettere in atto i loro piani criminali. In questi ultimi tempi le abbiamo sentite davvero tutte: dalle auto utilizzate come arieti, ai picconi che mettono a soqquadro e mandano in frantumi interi locali. E ora pure una ruspa, che peraltro però non è nemmeno una novità dato che lo scorso anno si verificò un altro episodio simile. 

Parliamo dell’ultimo colpo perpetrato ai danni del Credito Cooperativo di Roma, banca situata a Lido dei Pini ad Ardea sulla litoranea; i malviventi hanno rubato il mezzo da una vicina azienda e l’hanno utilizzata per smurare letteralmente il Bancomat dopo aver oscurato le telecamere della videosorveglianza. 

Quindi, dopo averlo caricato su un altro veicolo, si sono dati alla fuga, giusto in tempo per sfuggire alla cattura dei Carabinieri giunti nel frattempo sul posto. Cospicuo il bottino: si parla di almeno 60mila euro. La pala meccanica è finita invece sotto sequestro. 

Continua a leggere Ardea, furto alla Banca a Lido dei Pini: bancomat smurato con la ruspa, bottino da 60mila euro su Il Corriere della Città.

Ardea, illuminazione pubblica: le precisazioni del Sindaco Savarese

Dopo i dubbi sollevati da alcuni consiglieri di minoranza del comune di Ardea sull’illuminazione pubblica e in particolare all’interno del Consorzio Lido dei Pini-Lupetta, i quali avevano presentato anche un’interrogazione in merito ottenendo risposta dall’amministrazione, arrivano ulteriori dichiarazioni da parte del Sindaco di Ardea Mario Savarese.

“Gli elaborati progettuali oggetto di contratto di Concessione prevedono l’attività di efficentamento sul totale di 3.148 pali di pubblica illuminazione comunali tra cui anche alcuni installati sulle strade del Consorzio Lupetta. Parliamo però della sostituzione di sei punti luce per altrettante strade, dunque 36 corpi illuminanti (non pali interi, ma banalmente i fari, ndr) che insistono nel consorzio “Lido dei Pini Lupetta””,dichiara il Sindaco.

“In seguito però lo stesso Consorzio, in totale autonomia e a loro spese, ha deciso di realizzare un nuovo impianto di illuminazione su tutte le strade del territorio di propria competenza e dunque anche in quelle interessate dal progetto comunale, cambiando, è opportuno sottolineare, al contempo le intere strutture. Noi infatti, come detto, avremmo sostituito soltanto le luci banalmente, mentre loro hanno optato per sostituire l’intero palo, optando per lampioni senza dubbio di maggior fattura in termini estetici e facendosi carico di tutti i costi”.

“Sarebbe stato sciocco, allora, avere all’inizio della strada pali di un tipo e nel proseguo del Consorzio di un altro; è evidente che ora la ditta Hera Luce, la quale sarebbe dovuta andare a sostiuire quei corpi illuminanti, non lo farà più: i pali invece saranno smontati dal Consorzio e il Comune recuperà quel costo da Hera Luce, o facendo installare alcuni pali da un’altra parte, oppure ottenendo uno scomputo dal costo. La decisione, in tal senso, ancora non è stata presa”.

Dopodiché il Sindaco effettua un’importante precisazione sulla base di quanto sollevato ulteriormente dai consiglieri Edelvais Ludovici e Raffaela Neocliti che avevano chiesto “all’amministrazione di governo di informarci sull’andamento decisionale e sull’istallamento dei 36 pali che l’amministrazione deve stralciare ed istallare in altre vie del territorio comunale non illuminate”.

Dichiara il Sindaco: “Non passi però l’idea che noi saremmo andati a sostituire 36 pali nel Consorzio: la differenza è fondamentale in termini di costi. Parliamo di 36 punti luce al costo c.u. di qualche centinaio d’euro, il che è ben diverso, rispetto alla sostituzione di lampioni interi. Ecco perché Hera Luce, sintetizzando, non monterà in pratica altrove 36 lampioni ma, se alla fine la decisione sarà quella, di un numero pari al costo dei punti luci non installati nel Consorzio. Ma ripeto, ancora non è stato deciso come scalare questi costi, nei prossimi giorni parleremo con la ditta”.

“E veniamo al nocciolo della questione: ora chi vive nel consorzio pagherà il costo dei lampioni nuovi anche se già previsti nel progetto del Comune? Sì, è vero, è così. Ma non l’abbiamo deciso noi, bensì il Consorzio, nessuno li ha obbligati a fare questa spesa. Chiaro, qualcuno tra i consorziati può non essere d’accordo con tale decisione ma il Comune è totalmente estraneo nella vicenda. Se c’è qualcuno con cui protestare, eventualmente, è proprio il Consorzio”.

Continua a leggere Ardea, illuminazione pubblica: le precisazioni del Sindaco Savarese su Il Corriere della Città.

Marina di Ardea, sottopassaggio utilizzato per la prostituzione: presentata un’istanza al Comune

L’Organizzazione di Volontariato no profit “RivalutiAmo Marina di Ardea”, a seguito delle continue segnalazioni di cittadini e residenti, ha presentato un’istanza all’Ufficio Protocollo del Comune di Ardea (Prot.llo n. 0061485 del 29/10/2018).

“L’unico sottopassaggio esistente di Lungomare degli Ardeatini, situato nei pressi di Via Cremona (Marina di Ardea) – fa sapere il presidente dell’associazione Michele Di Stefano – è da sempre abbandonato a sé stesso nella più completa incuria aumentando il già tanto degrado del litorale ardeatino. Da anni viene usato solo come punto di riferimento per la prostituzione, discarica di materiali di ogni genere, usato come bagno pubblico, oltre al pericolo che di notte in quanto buio potrebbe essere usato come trappola da qualche malintenzionato”.

Già nel mese di febbraio e di giugno, l’O.D.V. “RivalutiAmo Marina di Ardea” insieme ad alcuni volontari aveva già pulito tutto il sottopassaggio e zone limitrofe, ma a distanza di pochi giorni era nuovamente tutto sporco. 

“A tal proposito – prosegue Di Stefano – si richiede all’Ufficio comunale preposto di intervenire ad un sopralluogo per verificare quanto da noi segnalato e di provvedere urgentemente alla risoluzione del problema come sotto elencato.

1) La messa in sicurezza dello stesso mediante l’installazione di un cancello in ferro, mancante, visto che uno già esiste ma non è possibile chiuderlo, quindi necessita di manutenzione;

2) Pulizia accurata di tutto il sottopassaggio con igienizzazione da parte di una ditta specializzata;

3) Rimozione dei sacchi rifiuti casalinghi abbandonati sul lato adiacente al Passo a Mare di Via Cremona;

4) Rimozione dei rifiuti ingombranti abbandonati da ignoti in Via Cremona nelle vicinanze del suddetto sottopassaggio.

5) Onde evitare che il sottopassaggio continui ad essere usato impropriamente come sopra descritto, si chiede la completa chiusura dello stesso con cancelli funzionanti notte e giorno. 

Si fa inoltre presente che il sottopassaggio non viene mai usato da pedoni per l’attraversamento del Lungomare e per di più non è in regola per la fruibilità di persone anziane e disabili. Addirittura, non sarebbe male chiuderlo completamente mediante muratura, sicuramente il costo sarà inferiore”.

Continua a leggere Marina di Ardea, sottopassaggio utilizzato per la prostituzione: presentata un’istanza al Comune su Il Corriere della Città.

Ardea, allerta meteo anche per domani

Il bollettino meteo della protezione civile continua anche per domani a segnalare l’allerta arancione per il rischio idrogeologico in tutto il Lazio. E’ moderato il rischio di temporali, anche intensi.

Negli scorsi giorni i corsi d’acqua del Comune di Ardea sono stati ispezionati dai tecnici del Consorzio di bonifica di Pratica di Mare. È stata rimossa l’ostruzione da detriti che si era formata domenica scorsa in via dei Carrubi e la situazione è ora sotto controllo.

Nei quartieri a più alta densità di abitazioni, a causa dell’impermeabilizzazione del suolo e l’assenza talvolta di sistemi di raccolta e convogliamento delle acque meteoriche, e a causa di sversamenti abusivi delle stesse nell’impianto fognario, le forti precipitazioni possono causare esondazioni nei punti dove la pressione idrica è più alta.

Tipicamente questi sono localizzabili in Via Pratica di Mare, viale Nuova Florida, via Laurentina/Rio Verde, in prossimità della costa in viale Lazio. Non dovrebbero invece verificarsi problemi in viale San Lorenzo all’altezza di via Po dove sono già stati completati i lavori di convogliamento delle acque meteoriche.

Ad Ardea i fenomeni piovosi più intensi sono previsti tra le 12 e le 18. Qualora questi fenomeni dovessero verificarsi, si raccomanda la cittadinanza di evitare per quanto possibile di uscire di casa e di soggiornare in seminterrati che in passato hanno già manifestato fenomeni di allagamento.

In caso di emergenza si potranno contattare

Protezione civile

-Nucleo Operativo Airone
Via dei Tassi, 18
00040 Tor San Lorenzo di Ardea (Roma)
Tel. 06.913800284 – Fax 06.69306929
Mobile H24: 338.7606781 – 347.3417769 – 348.3285010

-Nereo
Via dei Fenicotteri snc
00040 Ardea (Roma)
Tel. 06.91499075 Fax 06.91498527
Mobile 346.3544237

Protezione civile regionale – numero verde 803555
Emergenze – 112
Soccorso stradale 803116

Per aggiornamenti sui bollettini meteorologici della protezione civile regionale è possibile visitare questo link: http://www.regione.lazio.it/rl_protezione_civile/?vw=bollettini

Continua a leggere Ardea, allerta meteo anche per domani su Il Corriere della Città.

Ardea, nuovo furto alle Case di Paola: locale distrutto a colpi di piccone (FOTO)

Questa notte ignoti hanno preso d’assalto una delle più prestigiose agenzie immobiliari del territorio di Ardea, quella de “Le case di Paola” peraltro  alla seconda ‘visita’ dei malviventi in pochi mesi.

La sede di Via Bergamo, verosimilmente a colpi di piccone,è stata lettarlmente messa a soqquadro con lo scopo di portar via la cassaforte poco dopo la mezzanotte; l’obiettivo è stato centrato, dato che i ladri sono riusciti a portarsela effettivamente via, ma, a fronte del danno enorme per i proprietari dell’agenzia, il bottino per i malviventi è stato davvero esiguo, se non nullo (nella cassaforte infatti non c’erano né denaro né preziosi ma solo documenti, ndr).

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della locale tenenza che fortunatamente si trovavano in zona con una pattuglia. Le indagini puntano ora a rintracciare i responsabili ma, purtroppo, il reato si aggiunge alla lista sempre più lunga dei casi ancora irrisolti commessi sotto la Rocca negli ultimi tempi. E i cittadini, esasperati, tornano per l’ennesima volta a chiedere più sicurezza.

Continua a leggere Ardea, nuovo furto alle Case di Paola: locale distrutto a colpi di piccone (FOTO) su Il Corriere della Città.

Ardea, allerta meteo arancione, il Comune: “Limitare gli spostamenti”

E’ stata diramata un’allerta meteo arancione che coinvolge il Comune di Ardea. L’amministrazione invita i cittadini ad avere una particolare cautela nell’uscire di casa e, più in generale, negli spostamenti. E’ stato previsto un peggioramento delle condizioni del tempo per domani pomeriggio. Per questo il Comune è in attesa di ulteriori indicazioni da parte della protezione civile regionale per eventuali nuove disposizioni.

Continua a leggere Ardea, allerta meteo arancione, il Comune: “Limitare gli spostamenti” su Il Corriere della Città.

Ardea, nottata all’insegna dei furti: svaligiati negozi e appartamenti

Nottataccia per i residenti di Ardea. Un gruppo di malviventi, non ancora identificati, ha messo a segno ben 4 colpi nella notte.

I ladri hanno svaligiato 2 appartamenti nel centro storico del Comune. Non si sa ancora se sempre gli stessi individui (o altri malfattori) si siano introdotti in un negozio del centro portando via merce e denaro.

Altro tentativo di furto anche nel quartiere della Nuova Florida dove questa volta, fortunatamente, i ladri non sono riusciti ad introdursi in una tabaccheria, ma hanno forzato e danneggiato le saracinesche dell’esercizio commerciale.

Continua a leggere Ardea, nottata all’insegna dei furti: svaligiati negozi e appartamenti su Il Corriere della Città.