L’associazione Infiorata Città di Aprilia realizza un quadro speciale per non dimenticare…

Sarà un quadro speciale quello che, per questa edizione dei festeggiamenti del Santo Patrono, realizzerà l’associazione volontari Infiorata Città di Aprilia sul sagrato della Chiesa di Piazza Roma.

Ogni volta il nutrito team di infioratori, capeggiato dal presidente Angelo Tassi, sanno stupire gli ospiti della festa di San Michele e quest’anno non deluderanno le aspettative.

La realizzazione del suggestivo quadro, sul sagrato della Chiesa Madre di Aprilia, inizierà venerdì 28 settembre dalle ore 19 e sarà possibile a tutti di vedere i nostri pazienti artisti all’opera.

Il quadro che esprime il Ponte Morandi di Genova, crollato il 14 settembre, riporta alla memoria una tragedia che decisamente si poteva evitare e che ancora scuote tutta la nazione.

L’associazione che ha portato il nome della città nel libro del Guinness World Records, mai ancora detronizzata, domani si adopererà per il recupero di tutti i petali, semi e altro materiale naturale, per riempire di colori la sagoma realizzata dagli stessi volontari.

Noi seguiremo in diretta Facebook i momenti salienti.

Marina Cozzo

Continua a leggere L’associazione Infiorata Città di Aprilia realizza un quadro speciale per non dimenticare… su Il Corriere della Città.

Infiorata Città di Aprilia a Piazza San Pietro per la festa più importante di Roma

Infiorata Città di Aprilia ha partecipato alla manifestazione organizzata dalla Pro-Loco di Roma Capitale, in onore dei Santi Pietro e Paolo, in Piazza San Pietro.

Imbarcati su un pulmann, gli infioratori apriliani, forti del loro presidente Angelo Tassi, si sono recati nel tardo pomeriggio del 28 giugno, per raggiungere il Vaticano.

Qui sono stati raggiunti dai furgoni stracolmi di petali e semi per dare il via al decoro della piazza italiana più importante ed imponente.

Il maltempo di quella sera ha rallentato il lavoro che comunque è stato portato a termine con grande senso di sacrificio, dovizia raggiungendo  spettacolare risultato.

Il tema che è stato “imposto” a tutte le associazioni presenti era quello dei papi e il M° Antonio De Waure di Arte Mediterranea di Aprilia si è ispirato a Papa Giovanni Paolo II.

La suggestiva via della Conciliazione, così era costellata di tante immense opere artistiche di infioratori provenienti da tutta Italia. Dalle Marche, al Trentino, dalla Sicilia (Pachino) alla Basilicata e naturalmente al Lazio, portato sia da Roma stessa, che da Aprilia.

 

Infiorata di Pachino

L’allestimento è stato seguito per diverse ore in diretta Facebook sia dalla scrivente sia da una inviata speciale, il M° Rita Nuti, testimone, così di un magnifico evento culturale che richiama popoli da tutta la nazione per una comunione di animi ai piedi della Basilica di San Pietro.

Ricordiamo che l’associazione apriliana ha portato il nome di Aprilia nel 2016 nel libro dei Guinness World Record con l’infiorata più lunga del mondo

 

Marina Cozzo

 

 

Continua a leggere Infiorata Città di Aprilia a Piazza San Pietro per la festa più importante di Roma su Il Corriere della Città.

Festa Madre Maria della Chiesa ad Aprilia, dal 25 al 27 maggio. L’Appello di Angelo Tassi

Ad Aprilia dal 25 al 27 maggio, presso la parrocchia di Madre Maria della Chiesa, si terrà la consueta festa patronale che quest’anno ha arricchito il programma di innumerevoli intrattenimenti musicali, dalla danza al canto; di stand gastronomici; torneo di Burraco, e altro ancora.

Ogni giorno sarà ricco di eventi anche per i più piccini con tante attività creative e ricreative.

La zona di Via Giustignano sarà peraltro abbellita da Infiorata Città di Aprilia, che decorerà il sagrato di colori, petali e profumi in occasione della commemorazione annuale.

Al tal proposito, il presidente dell’associazione Angelo Tassi lancia un appello: “Quando realizzammo l’infiorata da record dei primati, due anni fa, tra gli spetalatori, vi erano due donne molto anziane che hanno lavorato senza tregua per due giorni di seguito. Non ho mai saputo chi fossero e non ho mai potuto incontrarle per ringraziarle, cosa cui tengo tantissimo!”

Se qualcuno sa di queste anziane apriliane e volesse avvertire di essere cercate può rivolgersi anche alla presente testata giornalistica o su Facebook alla scrivente Marina Cozzo.

Marina Cozzo

 

Continua a leggere Festa Madre Maria della Chiesa ad Aprilia, dal 25 al 27 maggio. L’Appello di Angelo Tassi su Il Corriere della Città.

Festa della Primavera Indiana 2018 richiama 10.000 sikh ad Aprilia. Profumi, colori e tanta eleganza

10.000 indiani sono stati stimati ieri, in Aprilia, in occasione della Festa della Primavera: bellissimi, eleganti e coloratissimi.

Punto di raduno, dove si sono svolti concerti e degustazioni: Via Vespasiano, inebriata di aroma di cannella, curcuma e curry.
Donne impastavano il naan (una specie di piadina) che veniva cotta dagli uomini, tutti insieme, in un momento di comunione esaltante e tenera.


Una sfavillante tradizione, che celebra la fondazione della religione orientale, oggi al V secolo.
La comunità sikh di Aprilia è molto integrata e, per ricambiare l’importante contributo apportato nel raggiungere il Guinness dei Primati, nel 2016 con l’Infiorata più lunga del mondo, il presidente dell’associazione, Angelo Tassi, si è messo a disposizione con il proprio camion per trasportare i 10 guru, uno dei quali intonava una dolce nenia, per tutto il tragitto dei circa due chilometri.

Tanti sono i saggi, poi vi è anche “l’Undicesimo Guru” che è il libro sacro.

Il mezzo, addobbato di fiori e drappi di seta, ha sfilato per le vie della città di Aprilia, seguito da un corteo coloratissimo, che, per rituale, ha calpestato l’infuocato asfalto a piedi nudi.
Petali di fiori venivano disseminati per accogliere il sacro cammino, non prima che il percorso fosse spazzato e irrorato.
Durante il tragitto, sorvegliato da addetti del loro servizio d’ordine, venivano distribuiti generosamente acqua, frutta secca e banane, per reintegrare i sali minerali dispersi sotto il caldo sole del pomeriggio di fine aprile.
Per entrare a far parte di quella fiumana variopinta, era richiesto di camminare a piedi scalzi e coprire il capo.
Uomini e bambini regali e le donne, avvolte nei loro sari lucenti seducenti e raffinate.

L’etimologia della parola sikhismo si rintraccia nella parola sikh, che deriva dal sanscrito e significa “discepolo”.

I sikh sono i devoti del Sri Guru Granth Sahib ji, le sacre scritture dei 10 guru che si sono succeduti dal 1469 al 1708 e di altri amanti del Creatore.
La loro religione è diffusa nel Punjab (India del nord-ovest). Pregano il Creatore onnipresente ed onnipotente, che si manifesta attraverso il creato e che è raggiungibile grazie alla preghiera e all’aiuto di una guida, il guru, cioè colui che dà la luce (saggezza) al buio (l’ignoranza).

Il sikhismo si basa su tre principi:

ricordare il Creatore in ogni momento, guadagnare lavorando onestamente, condividere il guadagno.
I sikh considerano venerabile solo la parola del Creatore rappresentata dalle Sacre Scritture dei guru. I sikh di fatto applicano le gerarchie delle caste (forte discriminazione verso i dalit) e il loro grado è riconoscibile dal colore del turbante.

I guru sikh non hanno sostenuto la necessità della vita ascetica e dell’isolamento dal mondo per guadagnare la salvezza. Quest’ultima può essere raggiunta da chiunque si mantenga onestamente e conduca una vita normale. Non esiste un clero nel sikhismo.

Ai sikh è proibito ogni tipo di dipendenza da sostanze, come l’alcol, tabacco e carne animale . Un sikh deve considerare la moglie di un altro uomo alla stregua di sorella o madre, e la figlia di un altro come sua. La stessa regola è applicata anche alle donne.

L’istituzione del “Langar” (cucina comune) serve a creare uguaglianza sociale fra l’intero genere umano. Essa è un luogo in cui persone di estrazione sociale alta e bassa, ricchi e poveri, istruiti e ignoranti, re e mendicanti, o di altre religioni condividono tutti lo stesso cibo, sedendo insieme in un’unica fila.
Marina Cozzo





Continua a leggere Festa della Primavera Indiana 2018 richiama 10.000 sikh ad Aprilia. Profumi, colori e tanta eleganza su Il Corriere della Città.