La Garibaldi di Aprilia: un Istituto Comprensivo che tutela i suoi alunni

Riceviamo e pubblichiamo integralmente un comunicato della professoressa Pina Farina

Un’ora senza l’acqua non costituisce un grave problema. Soprattutto quando ci si veste dei panni di grandi propagatori di giustizia sociale piangendo per i bimbi del terzo, quarto e quinto mondo che non hanno il pozzo o se ce l’hanno dista chilometri da casa. Eppure noi,  gente ‘evoluta’, riusciamo a perdere il controllo della situazione anche per un tempo brevissimo, se sopravviene la necessità di fare un piccolo sacrificio. Pertanto, l’interruzione idrica alle 13:00 di ieri, nel Comune di Aprilia, ha precipitato (a quanto sembra) tutti i genitori nel caos. Ma quando si tratta di tutelare il benessere dei figli, (pur quando non ce n’è l’urgenza), non si frenano gambe e lingue e tutti proni ai loro ordini. Mi chiedo se era così necessario ritirarli con così pronto tempismo un’ora prima della fine delle lezioni. Per cosa poi? Paura di morire assetati? Certi giornalisti (o pseudo tali) da copia incolla,  i quali già da molto tempo amano scribacchiare cose dette alla rinfusa blaterate dalle prime corde vocali infiammate di rabbia, non hanno perso tempo, e giù! a infangare il difficile e delicato compito di una Dirigente Scolastica gravata dalla responsabilità diretta nei confronti di 600 minori. Non vanno mai in fondo alla questione certi dilettanti e osano issarsi contro chi svolge il proprio dovere senza che conoscano Norme e Leggi! Lo spiego io! In nessun caso un Dirigente Scolastico può lasciar uscire gli alunni (minori) senza che siano prelevati dagli stessi genitori o da chi ne fa le veci in quanto se, per disgrazia, dovesse accadere l’irreparabile o, semplicemente, che il tal Mariuccio Rossi se ne va gironzolando da solo o in festosa compagnia, a farne le spese è il Pubblico Ufficiale a cui è stato affidato il ragazzo. In questo caso, a disgrazia avvenuta, ecco che tutta la cittadinanza sarebbe pronta a  colpire chi non avrebbe fatto il proprio dovere di tutela dei minori. Insomma vale ancora quella canzone di qualche decennio fa…Se sei bravo ti tirano le pietre…sei cattivo ti tirano le pietre….qualunque cosa fai…. Mah! Tempi duri per la ragione! Comunque, per onor di cronaca, i pulmini erano là, come sempre, alle ore 14:07 e 16:30….con meno della metà degli alunni. Per un’ora senz’acqua!

Continua a leggere La Garibaldi di Aprilia: un Istituto Comprensivo che tutela i suoi alunni su Il Corriere della Città.

Aprilia, trasporto scolastico: al 14 settembre il termine per presentare domanda

Il Comune di Aprilia informa tutte le famiglie interessate al servizio di trasporto scolastico che è ancora possibile effettuare la richiesta presentando apposita domanda entro il 14 settembre prossimo.
Nonostante il termine per la presentazione delle domande di iscrizione sia scaduto lo scorso 31 luglio, la richiesta può essere ancora effettuata, recandosi presso l’Ufficio Trasporti, al quinto piano dell’ex Palazzo di Vetro, in piazza dei Bersaglieri.
Per usufruire delle agevolazioni tariffarie, occorre portare con sé l’attestazione ISEE in corso di validità.
Successivamente alla presentazione della domanda, è necessario recarsi presso la Nuova Tesei Bus srl in via Nettunense km 20,00 con fototessera dell’alunno/a e documento di identità dei genitori (o delle persone eventualmente delegate), provvedere al pagamento della quota di abbonamento e ritirare così il tesserino necessario per il servizio di trasporto scolastico.

Continua a leggere Aprilia, trasporto scolastico: al 14 settembre il termine per presentare domanda su Il Corriere della Città.

“Festival of learning – I Edizione” un grande successo di didattica e lettura per la scuola Gramsci di Aprilia

Taglio del nastro per il Festival of learning

Strepitoso successo per la prima edizione del Festival della didattica e della lettura all’ I.C. “A.Gramsci”.

Nei giorni 6 e 7 giugno l’I.C. “A. Gramsci” ha ospitato la prima edizione del Festival of learning. La manifestazione è stata organizzata dai docenti in collaborazione con gli alunni che durante le due giornate hanno potuto illustrare alle famiglie, intervenute numerose, alcune delle  attività più significative intraprese durante l’anno scolastico.

E’ stato un vero e proprio viaggio attraverso la didattica. Dalla didattica tradizionale a quella digitale, dalla scienza alla fantascienza, dall’astronomia alla robotica passando attraverso l’arte e a tutte le sue manifestazioni.

All’interno del Festival è stata allestita anche la mostra finale del progetto lettura d’Istituto.

Ogni anno il progetto lettura si arricchisce di nuove iniziative e collaborazioni. A partire dal mese di ottobre la nostra scuola ha partecipato al progetto nazionale Libriamoci a scuola, ad Alunni in libreria, a #ioleggoperchè, al maggio dei libri e al festival della lettura ad alta voce. Abbiamo inoltre aderito a diversi concorsi tra i quali: il concorso di scrittura creativa proposto dal Comune di Aprilia, al concorso nazionale di poesia Masio Lauretti, al concorso letterario “Raccontar scrivendo…” di Recanati indetto dalla “Casetta degli artisti” conseguendo ottimi risultati.

Durante le due giornate dedicate al festival della didattica gli alunni hanno presentato alle famiglie i lavori svolti all’interno di questo percorso. Libri di ogni genere: dal pop-up al lap book, dal libro digitale al libro ingessato. Il libro ha rappresentato il punto di partenza e il punto di arrivo di un viaggio ricco di avventura e di fantasia. Le famiglie sono state affascinate nello scoprire le numerose tecniche di promozione alla lettura utilizzate e conosciute dai propri figli e si sono soffermate su alcune che hanno suscitato maggiore curiosità come: il caviardage, la mail art, l’agamograf, il kamishibai, i calligrammi,  la word art, recensioni digitali e video recensioni e in genere i compiti di realtà.

Il Festival ha visto protagonista la didattica innovativa e digitale che ha fatto viaggiare i ragazzi nel mondo della conoscenza in modo originale e divertente. Gli alunni sono stati nominati ambasciatori del sapere per illustrare i loro viaggi: Ambasciatore dei diritti, Ambasciatore del mondo, Ambasciatore della Storia, Ambasciatore della lettura, Ambasciatore della poesia e della lingua italiana. Gli ambasciatori hanno spiegato i loro progetti e lavori svolti durante l’anno scolastico con la prof.ssa Marilena Ferraro e aiutato i genitori e nonni a conoscere il loro modo di lavorare in una classe digitale. Nonni e genitori, con smartphone in mano, hanno potuto sfogliare i lavori dei ragazzi grazie ai Qr Code creati appositamente per mettere i mostra i loro percorsi digitali nel campo della lettura con video recensioni e recensioni digitali, nel mondo dei diritti per conoscere la Costituzione italiana, nel mondo della geografia, della storia e della poesia con il digital sotrytelling. Inoltre sono stati esposti con il Qr code anche tutti i lavori svolti durante la settimana del Rosadigitale. I ragazzi di terza nel loro viaggio di conoscenza dei continenti hanno preparato cibi e prodotti tipici dei luoghi studiatati e offerti ai genitori, compagni Assessore e dirigente scolastico.

Grande soddisfazione per la referente d’Istituto del progetto, la prof.ssa Barbara Pedrazzi, e per le docenti di lettere che hanno guidato i ragazzi in questo straordinario percorso tra la lettura ad alta voce e la scrittura creativa alla scoperta del piacere della lettura cimentandosi ogni anno con tecniche nuove.

All’interno del festival però non c’è stato posto solo per i libri ma anche per l’arte in genere. Il corridoio del piano terra dell’Istituto, infatti, si è trasformato in una vera e propria galleria d’arte nella quale sono state esposte alcune delle opere più significative realizzate durante l’anno dagli alunni sotto la guida delle insegnanti: Macina Emanuela, Realmuto Isabella e Antonella Corbi.

Novità di quest’anno sono state inoltre le attività laboratoriali ospitate all’interno del Festival e per questo si ringraziano: l’Associazione culturale  “Quelli della Radio” di Aprilia e l’ARI (Associazione Radioamatori Italiana) Sezione di Aprilia. Il loro contributo è stato encomiabile non solo nel corso della manifestazione ma anche durante l’A.S. 2017/2018 dove le Associazioni sono intervenute ad importanti  eventi proposti dalla Scuola (Open Day; Festival delle Scienze). Va sottolineato anche il prezioso contributo che l’Associazione “Quelli della Radio” ha prestato per l’organizzazione e l’attuazione del “ 1° CORSO DI CULTURA RADIOELETTRONICA e DI ROBOTICA”, guidato dal prof. Alessandro Carlomagno,  che ha riscosso un grande consenso e una partecipazione attiva ed entusiastica di 22 alunni della Scuola Media. Con grande riconoscenza per il loro fattivo e prezioso impegno, si ringrazia sentitamente: Franco Nervegna, Presidente dell’Associazione “Quelli della Radio” e i membri dell’Associazione Pier Giulio Subiaco, Gianni Placitelli, Tommaso Mignano, Marco e Claudio Emili;  Angelo Caringi, Presidente dell’ARI Sezione di Aprilia, e Alfredo Raschioni Vice Presidente.

Inoltre, in questi giorni i ragazzi hanno potuto ammirare le macchie solari grazie agli strumenti messi a disposizione dall’Associazione di Astronomia Pontina che ha tenuto una vera e propria lezione all’aperto.

Link al video:

https://www.youtube.com/watch?v=bxiDHcRSBdo

Continua a leggere “Festival of learning – I Edizione” un grande successo di didattica e lettura per la scuola Gramsci di Aprilia su Il Corriere della Città.

Anzio, si conclude il progetto “Astronautica in classe” al Cappell College

Giovedì 31 maggio, alle ore 16.00, presso l’Aula Magna del Liceo Chris Cappell College di Anzio, si terrà la cerimonia conclusiva del progetto “Astronautica in classe” di quest’anno.

IL CORSO “ASTRONAUTICA IN CLASSE”

Il corso (che si svolge da diversi anni), ha occupato un totale di 15 ore complessive di lezione tra marzo e maggio 2018 ed  ha proposto  temi di altissima valenza tecnico–scientifica, quali satelliti e loro utilizzo, elettronica delle trasmissioni e satelliti universitari, deep space networking. Durante gli incontri sono state svolte lezioni pratiche con l’ausilio della strumentazione del laboratorio di Scienze, integrata da strumentazione fornita all’occasione dai docenti stessi del corso. Durante la fase conclusiva del progetto i ragazzi hanno potuto conoscere ed utilizzare la Ground Station, la stazione di Terra installata presso l’Istituto e in grado di effettuare collegamenti in tempo reale sui satelliti in transito.

LA CERIMONIA FINALE

Giovedì ci sarà la consegna degli attestati agli studenti del Liceo Classico che vi hanno aderito. Quest’anno tale conclusione verrà vissuta con particolare commozione e partecipazione, vista la scomparsa del Gen. Antonio Iaria, che ha fortemente voluto il progetto stesso e che è stata persona di grande spessore culturale e professionale, nonché grande comunicatore con adulti e ragazzi che lo hanno apprezzato e compianto.

Il Progetto è nato dal protocollo di intesa tra la Scuola di Ingegneria Aerospaziale dell’Università “La Sapienza” di Roma e il Liceo Chris Cappell College, è stato coordinato dal preside della Scuola di Ingegneria Aerospaziale, Prof. Paolo Teofilatto, il quale ha aperto il corso lasciando poi spazio alle lezioni del Prof. Ing. Augusto Nascetti, docente di Elettronica presso la suddetta Scuola e il Gen. Francesco Di Bella, pilota , radioamatore e grande appassionato dei sistemi di trasmissione a distanza. Le lezioni si sono, come ogni anno, rivelate di alto livello e sono state calibrate in modo sapiente per una platea liceale; la risposta dei ragazzi è stata al solito positiva, entusiasmo e curiosità hanno caratterizzato le lezioni partecipate, le domande rivolte ai docenti del corso interessanti e stimolanti; gli stessi docenti non hanno mai nascosto il piacere nel poter interagire con studenti così curiosi e interessati. Il progetto infine ha rivestito e riveste anche una funzione di orientamento universitario.

La Dirigente, i professori e gli studenti del Liceo ringraziano sentitamente tutti i docenti del Corso e i Signori Adriana e Franco Cappelluti che hanno reso possibile questa esperienza unica.

Continua a leggere Anzio, si conclude il progetto “Astronautica in classe” al Cappell College su Il Corriere della Città.