Progetto Rossano: psiche e corpo da Garbatella a Pomezia

Dalla Garbatella a Pomezia. Il progetto Rossano, nato grazie alla volontà di Nerina Marchione, dopo la perdita del figlio, come semplice sportello d’ascolto, in 4 anni è diventato una realtà che si occupa dai bambini agli anziani alle famiglie e per aiutare chi è colpito da dipendenze. Con il suo arcobaleno, simbolo di luce e colore nel buio di questa vita. ” Per tutto questo devo ringraziare tutti gli angeli che si sono avvicinati all’associazione – ha commentato la Presidente Marchione – mandati dal cielo come dico io, volontari che oltre alla loro professionalità mettono tutto l’amore possibile.” 

“La nostra missione è stare nel bello”. Ha invece riportato oggi la psicologa dell’associazione Silvia Di Napoli, durante una sessione di Psiche e corpo, tenutasi nella splendida cornice di Villa Francesca di Pomezia.
Una giornata dedicata al benessere psicofisico, aperto a tutti coloro che hanno voluto anche per la prima volta condividere tecniche respiratorie all’aria aperta. 
Una quindicina di persone si sono raccolte e hanno beneficiato dell’esperienza della dottoressa Vicepresidente dell’associazione Rossano.
Molte le attività portate avanti in questi anni a Garbatella, e da Roma la volontà di Nerina Marchione di aprire le attività anche a Pomezia. Marchione ha fatto del suo dolore una missione, rivolta all’aiuto sociale e alla promozione di progetti di solidarietà. 
“Nessuna notte è così buia da impedire al sole di sorgere” una delle sue frasi, che racchiude il coraggio e la forza del progetto Rossano. 

Continua a leggere Progetto Rossano: psiche e corpo da Garbatella a Pomezia su Il Corriere della Città.