Veruska Vertuani primo premio a “Invito alla poesia” a Trieste. La cultura di Aprilia cresce con i suoi protagonisti

Sabato primo settembre la poetessa Veruska Vertuani riceverà il primo premio (su 400 poesie partecipanti) all’XI edizione del concorso “Invito alla poesia”.

La manifestazione è organizzata dall’associazione “Poesia e Solidarietà” di Trieste, che ha come finalità unica quella di promuovere i valori della solidarietà con la diffusione e la conoscenza della poesia, letta ed ascoltata in tutte le sue anche più umili sfumature per rivelarne i significati, coltivando la ricerca di un linguaggio consapevole e letterariamente affinato.

Nel suo componimento, selezionato tra 400 poesie, la bella e sensibile scrittrice apriliana, si è cimentata in un tema delicato: le Foibe.

La poetessa non è nuova a riconoscimenti in questo concorso, essendo stata selezionata per la pubblicazione in antologia in altre tre precedenti edizioni.

All’appuntamento di sabato a Trieste porterà: “Magazzino diciotto”, poesia che ha ottenuto questo importante riconoscimento.

“Magazzino 18” è nata dopo aver visto, il 10 febbraio (giorno del ricordo di tutte le vittime delle Foibe) un documentario su Sky che parlava di quattrocento grammi di chiodi coi quali gli esuli dovevano costruire le casse di legno per portarsi via le suppellettili necessarie; tutto quello che rimaneva, lo dovevano lasciare e nel corso di 70 anni queste masserizie sono state ammucchiate nel magazzino diciotto, al porto Vecchio di Trieste. Gli esuli speravano un giorno di tornarne in possesso dei loro effetti personali, ovviamente cosa che mai si realizzò.

La poesia è incentrata sui 400 grammi di chiodi, frase che ricorre in modo martellante e termina con la speranza che gli eredi degli esuli possano rivendicare le masserizie degli avi.

Ecco un stralcio, di una poesia toccante, dolce e terribile al contempo:

Quattrocento grammi di chiodi

uno alla volta tra le dita

non per appendere campane alla domenica

nè giorni di festa alla parete.

Valgono il peso di quattrocentogrammi di chiodi

i tuoi affetti da imballare…”

“Magazzino 18” è un luogo reale, sito nel Porto Vecchio di Trieste e racconta una pagina dolorosissima della storia italiana,  che la Vertuani ha voluto mettere in versi.

La validità di scrittura della nostra poeta, la leggerezza dei suoi versi, la genuinità con cui sono articolati potrebbero essere elementi da considerare per divulgare la sua poesia tra le scuole, dove gli studenti apprenderebbero in maniera diversa il significato della vita, della morte, della storia e… della poesia.

Marina Cozzo

 

Continua a leggere Veruska Vertuani primo premio a “Invito alla poesia” a Trieste. La cultura di Aprilia cresce con i suoi protagonisti su Il Corriere della Città.