A Ostia non vale proprio il “contratto di governo”: Lega contro la presidente Di Pillo

Il Responsabile della Lega, Coordinatore del X Municipio di Roma, Guido Contu, con riferimento all’iniziativa promossa dal Presidente del Municipio Di Pillo di posizionare un mercatino nel Centro Storico di Ostia a partire dal 22 luglio dichiara:

“Trovo grave che il Presidente del X Municipio ovvero della quattordicesima città più popolosa d’Italia, abbia potuto intraprendere una tale iniziativa senza essersi prima confrontata con le associazioni di categoria e, in particolare, con i commercianti che faticano non poco per tenere alzate le loro serrande tutto l’anno e che pagano gravose imposte per l’occupazione del suolo pubblico. 

LA LEGA CONTRO DI PILLO (M5S) NEL X MUNICIPIO DI ROMA

Trovo gravissimo e persino pericolosa l’iniziativa, se si tiene conto del numero dibancarelle posizionate e del fisiologico affollamento del Centro Storico di Ostia da parte di coloro che passeggiano nell’unica zona destinata ad area pedonale; come Responsabile della Lega verificheremo che siano state osservate tutte le prescrizioni della circolare del Capo della Polizia Gabrielli a tutela dell’incolumità e della sicurezza pubblica.

Per questo ci attiveremo attraverso i nostri consiglieri comunale e regionali al fine di verificare:

1) se l’Amministrazione e gli organizzatori abbiano provveduto alla “valutazione del massimo affollamento possibile?” impedendo “sovraffollamenti che possano compromettere le condizioni di sicurezza”. 

2) se l’Amministrazione e gli organizzatori abbiano provveduto ad adottare “sistemi di rivelazione numerica progressiva ai varchi” vale a dire dei contapersone”.

3) se l’Amministrazione e gli organizzatori abbiano previsto un piano di emergenza ed evacuazione, dei percorsi separati d’accesso e di deflusso, la suddivisione in settori della piazza e delle vie che in essa confluiscono, corridoi che consentano l’intervento in caso di emergenza o di soccorso, punti di prima assistenza sanitaria, la presenza di altoparlanti o maxischermi dai quali diffondere messaggi da parte delle autorità o degli stessi organizzatori.

4) se l’Amministrazione e gli organizzatori abbiano previsto operatori adeguatamente formati ai quali spetterà il compito di accoglienza, regolamentazione dei flussi, instradamento, osservazione ed assistenza del pubblico. 

Tutto questo appare essere stato palesemente disatteso e per questo chiederemo che siano avviati i necessari controlli da parte delle Forze dell’Ordine. La Lega ad Ostia dovrà essere sinonimo di rispetto della legalità e tutela delle categorie di lavoratori che si vedono gravemente danneggiate da iniziative di bassa qualità e non in linea con la vocazione turistica della città”.

Fonte: Ostiatv.it

Continua a leggere A Ostia non vale proprio il “contratto di governo”: Lega contro la presidente Di Pillo su Il Corriere della Città.